Triathlon ambasciatore del ciclo essiccato

I gemelli Bosson sono due triatleti che hanno grandi ambizioni per il futuro. Parlano con Sundried dell'allenamento e delle corse.

Sei sempre stato nello sport?

Joe: Grande sì, qualunque sia lo sport che potessi fare, il calcio è uno di quelli principali, ma quando ho capito che non sarei mai stato il prossimo Beckham o Scholes (e mi sono anche rotto il ginocchio) è svanito. Ma sì, nuoto, hockey, rugby, cross country, giavellotto, equitazione, biathlon, netball, basket e così via.

Beth: Non proprio, giocavo a netball a scuola e mi piaceva andare in palestra, ma non ero mai stato veramente interessato allo sport fino a quando non sono entrato nel ciclismo 5 anni fa.

Come sei entrato per la prima volta nel triathlon?

Joe: Mia sorella maggiore e la sua amica hanno deciso di fare il Leeds Castle Triathlon un anno e ho pensato che suonasse divertente - avevo una bici da strada a questo punto e da allora non mi sono più fermato - penso di essere arrivato tra i primi 30 su 250 per la mia prima distanza standard.

Beth: Tutta la mia famiglia aveva fatto un triathlon, compresi i miei genitori, quindi ho dovuto provarci!

Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

Joe: Sicuramente, ai Campionati Europei di Glasgow 2018, il brusio di avere l'assetto uguale a quello dei professionisti e di far parte di una squadra è stato incredibile. Oppure la Sani2c, una corsa a tappe di mountain bike di 265 chilometri di tre giorni. Per chiunque sia appassionato di gare a tappe di mountain bike, questo è fantastico.

Beth: Leeds Castle 2019. Questo è uno dei miei triathlon preferiti (perché è stato dove ho fatto il mio primo), il tempo è sempre bello e il percorso è fantastico (a parte la corsa collinare). Il triathlon 2019 è stato ancora migliore perché sono salito sul podio con mio fratello!

triathlon triatleti podio Leeds Castle Kent Triathlon 2019

Qual è il tuo risultato più orgoglioso?

Joe: Glasgow GB Team - Non sapevo davvero cosa stavo cercando di ottenere quando ho iniziato il triathlon, ma essere in grado di rappresentare la GB era un obiettivo ed essere in grado di farlo è stato fantastico - ora sta cercando di vincerli!

Beth: Qualificarsi per la fascia d'età ITU World Championships!

Hai mai avuto disastri da corsa?

Joe: Sono stato abbastanza fortunato nelle gare ma in allenamento, troppe! Per lo più mi coinvolgono cadendo, con la più grande corsa di allenamento sulla mia MTB e andare dritto sopra il manubrio lungo la Table Mountain e aprirmi il ginocchio fino all'osso.

Beth: Quasi un attacco di panico in acqua al triathlon di Eton.

Come si superano le battute d'arresto?

Joe: Per me è solo continuare a perseverare sapendo che alla fine c'è un obiettivo più grande. A volte le battute d'arresto possono effettivamente aiutarmi ad avere più slancio, poiché mi dà una ragione per spingere di più.

Beth: Ricorda a me stesso che lo sto facendo perché mi piace e che le battute d'arresto ne fanno parte.

Che consiglio vorresti che ti fosse stato dato quando hai iniziato?

Joe: Esercitati in curva, sessioni a intervalli e nuota di più!

Beth: Divertiti! E allenati più duramente.

fitness viaggio avventura in montagna

Quali sono i tuoi obiettivi?

Joe: Attualmente, sarà quello di vincere i campionati mondiali ed europei per gruppi di età e poi prendere in considerazione alcuni triathlon Ironman (mi piace un viaggio alle Hawaii).

Beth: Per continuare a migliorare finché non diventa più facile.

Chi ti ispira?

Joe: Penso a qualsiasi atleta che sia riuscito a raggiungere l'apice del proprio sport. Poiché le Olimpiadi sono state posticipate quest'anno, c'è stata molta copertura degli anni precedenti e puoi vedere la passione e il lavoro che servono per raggiungere l'apice del loro sport individuale e questo è ciò che mi ispira.

Beth: I miei genitori! Vederli affrontare eventi sportivi giganteschi mi ispira a continuare a lavorare sodo e sapendo che se possono farlo, posso farlo anch'io!

Perché lavorare con Sundried?

Joe: Stranamente, la prima gara che ho vinto, ho vinto una bottiglia d'acqua essiccata, quindi è qui che avevo sentito parlare per la prima volta del marchio. Ma per me era importante che se volevo lavorare a fianco di un marchio, questi avrebbero dovuto avere gli stessi valori condivisi. Valori che mettono lo scopo sul profitto, un marchio che ha una coscienza e si sforza di fare il meglio che può. Che si tratti di sapere che le persone direttamente all'interno del marchio sono seguite o che tutto viene fatto per avere un impatto positivo sul mondo.

Beth: Perché è fantastico che combinino prodotti di alta qualità con un approccio etico! È importante che tutti facciano la loro parte per contribuire a creare un ambiente sostenibile ed etico e il marchio di Sundried significa che posso continuare ad acquistare ottimi prodotti mantenendo una coscienza etica.

x
x