• Craig Fulham Ambasciatore atleta

    corse di corsa fitness

    Craig è un triatleta che è passato dal non essere in grado di nuotare e non avere moto, alle qualifiche per il team GB Age Group in soli due anni. Parla con Sundried di allenamento e corse.

    Sei sempre stato nello sport?

    Lo sport ha sempre avuto un ruolo enorme nella mia vita. Crescendo, giocavo sempre, gareggiavo, ne parlavo o lo guardavo. Non è cambiato molto.

    Come sei entrato per la prima volta nel triathlon?

    Sono entrato nel triathlon per caso. Avevo subito un brutto infortunio alla schiena e il mio fisioterapista mi ha consigliato di prendere il nuoto per aiutarmi a tenermi in forma durante il mio recupero. Un amico mi ha parlato di un club locale che offriva sessioni di nuoto allenato e costavano meno di una sessione pubblica, quindi ho deciso di dargli un vortice. La prossima cosa che so è che sono iscritto a una gara.

    Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

    Ci sono stati molti punti salienti, ma il mio preferito dovrebbe essere Ironman 70.3 Staffordshire. È nella mia città natale, quindi il supporto è come nient'altro. Anche la pizza al traguardo è un grande vantaggio!

    Qual è il tuo risultato più orgoglioso?

    Qualificazione per un posto nel team GB Age Group. Andare dal non essere in grado di nuotare e non avere una bicicletta, al raggiungimento delle qualifiche in soli due anni è stato un grande risultato per me.

    Hai mai avuto disastri da corsa?

    Perdersi durante una nuotata è stato probabilmente il peggiore. Nota per te stesso - non vedere altri nuotatori!

    Come superare le battute d'arresto?

    Sembra un po 'cliché, ma mi concentro su ciò che posso fare e sul controllo dei controllabili.

    Che consiglio desideri che ti sia stato dato quando hai iniziato?

    Solo perché è carbonio, non significa che devi comprarlo.

    Quali sono i tuoi obiettivi?

    Per il 2021 punta a un piazzamento tra i primi 10 ai campionati europei. C'è molto lavoro da fare da qui ad allora, ma mira sempre in alto!

    Chi ti ispira?

    Non c'è una sola persona che io possa dire mi ispiri veramente. Adoro la formazione e il processo di miglioramento di me stesso.

    Perché lavorare con Sundried?

    Il kit Sundried ha un bell'aspetto, funziona alla grande e ha l'ambientalismo al centro. Quando ho avuto l'opportunità di fare l'ambasciatore, è stato un gioco da ragazzi.

    Posted by Alexandra Parren
  • Hugo Barclay Atleta Ambasciatore

    ciclismo in discesa

    Hugo è un triathlon che gode di sfide insolite.Parla con Sunsecched di allenamento e corse.

    Ti piace sempre lo sport?

    Mentre crescevo tra la Scozia e la Francia, sono stato fortunato a vivere in un ambiente in cui da bambino potevo passare più tempo fuori che dentro e lo sport era la scusa per stare fuori casa tutte le ore della giornata.Sono stato esposto solo ai triathlon durante la mia vita lavorativa, essendo naturalmente bravo nelle singole discipline e privo di ispirazione dalle maratone

    Cosa ti ha fatto decidere di entrare nel mondo del triathlon?

    I triathlon per me sono il simbolo del benessere - evidenziano un impegno per uno stile di vita e la mentalità del buon vecchio clich233; sforzarsi costantemente di essere una versione migliore di se stessi.

    Trovo utile avere delle gare nel diario, sono ancore che mi aiutano a mantenere gli obiettivi di fitness.Come proprietario di un'azienda non un atleta professionista, sono una buona preoccupazione e rilascio

    Quali sono stati finora la tua razza preferita e perché?

    Mi piacciono le sfide insolite dove è difficile differenziare una mezza maratona o un duathlon da un'altra.Il ciclismo da Bruxelles ad Amsterdam durante un fine settimana è alto in alto in quanto è divertente tipo (1) pur richiedendo un livello decente di grinta per raggiungere la nostra destinazione in tempo.

    Hai mai avuto dei disastri da corsa o della gara più dura?

    Una volta mi sono presentato ad una gara senza i miei allenatori.Non ho lasciato la casa a piedi nudi, ma il senso di ansia che ho avuto quando sono andata a cambiarmi, e i miei allenatori non erano nella mia borsa.Per fortuna era solo una gara di 1500 m... ho corso in scarpe che indossavo all'epoca, la Conversa senza tempo.

    Come si superano gli ostacoli?

    Mi piace concentrarmi sul processo, sia che si tratti di un ritorno dalla ferita, che non abbia raggiunto il tempo desiderato in una corsa e in altri aspetti della vita.Per me, concentrandomi su ciò che è immediatamente nel presente, il compito a portata di mano, mi aiuta ad apprezzare i contrattempi come parte del viaggio

    Quale consiglio vorresti essere stato dato prima di iniziare a competere?

    Ottenere partner responsabili.Tutti possono fare qualcosa per un po', ma non tutti possono fare qualcosa in modo coerente.Avere il coraggio e la giusta rete di supporto, che sia un amico o un partner è essenziale per aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi.Praticamente, e qualcosa che non ho mai preso sul serio all'inizio era stretching post-allenamento.Questo non dovrebbe essere sottovalutato, specialmente quando si inizia a mettere indietro sedute o 20k plus runs.

    Quali sono i vostri obiettivi per 2021?

    I miei obiettivi sportivi sono il Marbella Ironman 70.3 e Aberfeldy triathlon.

    Da chi prendi la tua ispirazione?

    Tim Don, perche'ne ha passate tante con l'incidente pre-Kona a 2017, per tornare a forma fisica.Essere un atleta di prima qualita'pur di essere un umile ragazzo.

    Che cosa ti piace di Sunsecched e quale è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

    Sono stato fortunato a passare molto tempo in Spagna durante la pandemia, i pantaloncini da uomo nero sono uno dei miei preferiti sia per correre che per giocare a tennis, sono stati fantastici.Il vello grigio è anche un preferito di lavoro da casa, perfetto per il comfort quando si è in back-to-back zoom chiamate.

    Posted by Alexandra Parren
  • Paul Charlesworth atleta ambasciatore

     triatleta che corre all'aperto

    Paul si destreggia con una vita frenetica come chirurgo pediatrico con 4 bambini che si allenano per il triathlon Ironman. Parla a Sundried del suo viaggio.

    Sei sempre stato nello sport?

    Sì. Da bambino facevo il nuotatore di squadra. Ho navigato da adolescente e facevo parte della squadra di vela dell'Università di Londra. Ho giocato a pallanuoto durante la scuola di medicina. Quando ho incontrato mia moglie ho iniziato a correre. A 35 anni ho iniziato a pedalare ed è stato un cambiamento di vita.

    Come sei entrato per la prima volta nel triathlon?

    Ho fatto il mio primo triathlon a 12. Una tappa di nuoto per una squadra che ha completato la nuotata di 1 km in 12 minuti! Ho approfondito di nuovo la questione verso la fine dei vent'anni, facendo delle corse brevi. È stato solo a 34 anni che ho riscoperto il triathlon e poi l'Ironman!

    Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

    Ho adorato gareggiare con il Cotswold 113 quest'anno. Mi ero prefissato l'obiettivo di andare sotto le 5 ore. L'anno è stato pazzo per così tante persone ... ma eseguire il perfetto piano di gara ha reso questa esperienza incredibile!

    Qual è il tuo risultato più orgoglioso?

    Nello sport, facendo parte della squadra giovanile GB di vela, nella vita riuscendo ad avere 4 figli, lavorare come chirurgo pediatrico e avere tempo per le regate di Ironman. Nel triathlon, superando alcune delle professioniste durante la nuotata all'Ironman di Barcellona.

    Hai mai avuto disastri da corsa?

    Ho dimenticato il mio cycling computer e sono riuscito a ottenere un T1 di 12 minuti mentre tornavo a prendere la borsa.

    Come si superano le battute d'arresto?

    Non aspettarti che la vita o il triathlon siano facili. Sarà difficile, richiederà tempo e impegno, ridefinire qual è il tuo equilibrio di vita e cosa ti rende felice. Ricorda i bei momenti in cui ti sei sentito fantastico, circondati di persone che la pensano allo stesso modo.

    Che consiglio vorresti che ti fosse stato dato quando hai iniziato?

    Usa un misuratore di potenza per stimolare la gamba della bici.

    Quali sono i tuoi obiettivi?

    • Qualificati per Kona
    • Sii un modello per i miei figli
    • Rimani positivo

    Chi ti ispira?

    La mia famiglia, i miei pazienti, i miei amici.

    Perché lavorare con Sundried?

    Viviamo solo una volta, se c'è un modo per trovare una fonte rinnovabile di abbigliamento ad alte prestazioni ... Ci sono!

    Posted by Alexandra Parren
  • Laura Grey Athlete Ambassador

    corridore triatleta Team GB

    Laura è una triatleta che ha corso per la squadra GB Age Group. Parla con Sundried dell'allenamento e delle corse.

    Sei sempre stato nello sport?

    Pratico lo sport da quando avevo quattro anni e devo ringraziare i miei genitori per questo. Assicurarmi che il nuoto fosse una parte della mia infanzia significa che ho continuato a nuotare in un club fino all'età di 16 anni. Lo sport è sempre stato una parte così importante della mia vita e ha plasmato chi sono.

    Come sei entrato per la prima volta nel triathlon?

    Dopo aver nuotato per così tanti anni ho capito subito che non ce l'avrei mai fatta come nuotatore professionista, finendo sempre appena fuori dalla vetta delle medaglie. Al liceo ho preso parte al campionato di sci di fondo, l'unico della mia scuola e sono arrivato alle scuole di inglese grazie a pochissimi allenamenti. Questo mi ha portato a unirmi alla mia squadra di corsa locale. Poi ho deciso di provare il ciclismo e mio padre mi portava al velodromo di Manchester ogni venerdì. Presto ho trovato la mia passione e questo mi ha portato a provare il triathlon. Il resto è storia!

    Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

    I campionati mondiali di triathlon 2019 in Svizzera devono essere lassù per molte ragioni. La mia prima gara internazionale in assoluto, l'incontro con il team GB, dopo le corse d'élite e senza dubbio l'atmosfera dell'intero viaggio è stata qualcosa che ricorderò per sempre.

    Qual è il tuo risultato più orgoglioso?

    Finendo 15 ° alla mia prima gara internazionale al Mondiale.

    Hai mai avuto disastri da corsa?

    Non ho avuto grossi disastri da corsa che io possa ricordare e sono sicuro che li ricorderei. L'anno scorso all'evento Sandman AAH ho nuotato completamente nel modo sbagliato nella nuotata e ho finito per aggiungere qualche centinaio di metri in più alla mia nuotata! Una volta ho anche provato a fare lo smontaggio in volo e a giudicarlo male e ho finito per scivolare di circa 20 m durante la transizione - alcune ginocchia molto doloranti e sanguinanti dopo!

    Come si superano le battute d'arresto?

    Questo è qualcosa che mi ci è voluto un po 'per capire e imparare. Durante l'allenamento e le gare ce ne sono molti, malattie, infortuni ecc. Tuttavia ho imparato che queste cose sono spesso fuori dal nostro controllo, fanno parte del viaggio come atleta. Ho imparato che concentrarmi sull'obiettivo a lungo termine aiuta a mantenermi motivato e positivo nei momenti difficili.

    Che consiglio vorresti che ti fosse stato dato quando hai iniziato?

    Sii costante tutto il tempo, ci saranno dei giorni davvero difficili, ma quei giorni sono ciò che ti rende più forte.

    Quali sono i tuoi obiettivi?

    Obiettivo 2021 = finire la mia prima metà Ironman in assoluto. L'obiettivo a lungo termine è vedere fino a che punto posso andare nel mio viaggio come atleta di resistenza con l'obiettivo di essere un professionista.

    Chi ti ispira?

    Immagino di avere molte donne che mi ispirano ad essere migliore e più forte. Voglio dire, Chrissie Wellington è piuttosto stimolante, non è vero! Tuttavia, sono in soggezione nei confronti di Lucy-Charles Barclay per i suoi successi in così giovane età e per la rapidità con cui è progredita in questo sport. Penso che farà grandi cose in questo sport!

    Perché lavorare con Sundried?

    Dato che trascorro la maggior parte delle mie giornate ad allenarmi, è importante che indossi abiti che durino e quindi per me è un investimento enorme. Sundried comprende quanto sia importante che questo capo di abbigliamento sia elegante, comodo e tecnico. La parte più interessante è che è realizzato con materie prime sostenibili e prodotti riciclabili, che più che mai in questo clima attuale è così importante.

    Posted by Alexandra Parren
  • James Tugwell atleta ambasciatore

    in esecuzione traguardo di triathlon

    James è un triatleta che ama le gare di lunga distanza. Parla con Sundried di gareggiare su alti e bassi.

    Sei sempre stato nello sport?

    Sì e sono sempre stato molto attivo - sono particolarmente ispirato da mio nonno che una volta era 5 ° al mondo nel bodybuilding e mi ha allenato nella sua palestra. Tuttavia sono sempre stati gli sport di squadra a crescere e ho praticato una serie di sport fino a livello di contea (il cricket è il mio preferito). Quando ho iniziato a lavorare, il triathlon è stato al centro della scena. Penso che potrei guardare praticamente qualsiasi sport però.

    Come sei entrato per la prima volta nel triathlon?

    Mi sono iscritto al mio primo triathlon come parte di un evento di beneficenza che stavano facendo alcuni colleghi. Mi è piaciuto molto l'allenamento e l'evento è stato molto divertente, anche se le cose non sono andate alla perfezione! Mi sono iscritto a un Ironman subito dopo, ma non credo di sapere davvero in cosa mi stavo cacciando!

    Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

    Il vecchio Ironman 70.3 in Exmoor: era il mio primo 70.3 ed è stato brutale! È diventato piuttosto bagnato ma lo scenario e il percorso erano incredibili.

    Qual è il tuo risultato più orgoglioso?

    Completando il mio primo Ironman sub 10 ore (9:43). Dopo il mio primo triathlon ho assunto un allenatore ma molti mi hanno detto che non avevo possibilità dato che lavoravo anche 80-100 ore a settimana. Ha aggiunto un po 'di benzina al fuoco e mostra solo cosa puoi fare se credi e ti impegni.

    Hai mai avuto disastri da corsa?

    Alcuni si distinguono ma impari sempre di più da loro rispetto alle buone gare:

    Ho provato a scendere in corsa nel mio primo triathlon nonostante non avessi mai praticato - ho finito per impilarlo e ho colpito il pavimento piuttosto forte (per fortuna potevo ancora correre!) Ho valutato male una curva in un 70.3 e sono finito contro un muro, sfregandomi male il collo e forandomi. Mi ci è voluto un po 'per tornare in bici! Mi sono forato in gara e mi sono reso conto di aver dimenticato le leve per gomme: ho dovuto aspettare 30 minuti per ricevere assistenza. Ero in testa anche quando è successo!

    Come si superano le battute d'arresto?

    Penso che la chiave sia essere razionali e equilibrati. Se ti fai un infortunio, cerca di capire cosa puoi ancora fare e se hai ancora tempo per raggiungere il tuo obiettivo / fare la tua gara (mi sono fatto male al mio Achille un mese dopo un Ironman e ho usato di più il cross-trainer e la bici per mantenere alto il livello di forma fisica). Se le cose non vanno bene, rivedi e apporta le modifiche necessarie. Per me è un hobby ea volte ho bisogno di fare un passo indietro e rendermi conto che può diventare un po 'troppo totalizzante!

    Che consiglio vorresti che ti fosse stato dato quando hai iniziato?

    Vacci piano e non andare troppo a lungo così presto! Anche se ho prestazioni migliori su distanze più lunghe, ottenere un po 'più di esperienza nelle gare su percorsi più brevi sarebbe stato molto divertente - ho pensato di farlo ora, ma non sono così bravo / veloce rispetto alla concorrenza!

    Quali sono i tuoi obiettivi?

    L'obiettivo attuale è quello di qualificarsi per i campionati del mondo Ironman a Kona

    Chi ti ispira?

    Mio nonno, si allena ancora nella sua palestra e ha 96 anni!

    Perché lavorare con Sundried?

    I valori e le convinzioni di Sundried sono in linea con i miei. Con pensieri su come creare una famiglia, ti fa davvero pensare a quello che fai e come agire ogni giorno. Qualunque cosa possiamo fare, dovremmo farlo e Sundried sta sicuramente aprendo la strada. Quello che mi piace è che questo non significa che il kit soffra: devo ancora incontrare qualcuno che ha menzionato una cosa negativa sui prodotti. La gamma è esaustiva e può aiutare qualcuno a fare esercizio o aiutare gli atleti più esperti a dare il meglio. Il kit è di alta qualità e costruito per durare. L'attributo costruito per durare ha il vantaggio che significa che non devi buttare via il kit frequentemente quando diventa inutilizzabile e questo è difficile da trovare al giorno d'oggi (è anche molto meglio per l'ambiente e ha il vantaggio aggiuntivo che è più facile sul conto in banca) !

    Posted by Alexandra Parren
x
x