Ambasciatore del triatleta di abbigliamento sportivo essiccato

Sarah è specializzata nel nuoto in acque fredde e ha partecipato ad alcune delle gare più dure in circolazione, inclusa l'ormai defunto Ironman 70.3 Wimbleball. Parla con Sundried dell'allenamento, delle corse e dell'ispirazione alle sue figlie.

Sei sempre stato nello sport?

Sono sempre stato nello sport - alpinismo, speleologia, kayak, corsa, arrampicata, ciclismo - quindi passare al triathlon è stato naturale per me.

Cosa ti ha fatto decidere di entrare nel mondo del triathlon?

Sono stato ispirato ad entrare nel triathlon dalle mie figlie e dal mio amico che è un triatleta del Team GB Age Group. Volevo ispirare le mie figlie a fare quello che ho fatto e a vedere che tutto è possibile. Ora voglio ispirare gli altri a vedere che possono farlo anche loro. Se posso farlo io, chiunque può.

Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

È sempre il mezzo Ironman del Cotswold 113 a giugno. Gli organizzatori, 113 eventi, sono adorabili ed è una grande gara per tutti i livelli e le fasce d'età.

E il tuo risultato più orgoglioso?

Ce ne sono stati tanti! Allenando le mie figlie a nuotare in acque fredde e imparando a gareggiare in acque libere. Passare a una bici da TT e ai miei 5 anni di successi nel triathlon.

Hai mai avuto disastri nelle corse / la tua gara più dura?

Ce ne sono state molte, ma direi che manca il cut-off della moto per l'Ironman 70.3 Wimbleball. Ho pianto per 2 giorni! Avevo dieci minuti in più del tempo concesso ma c'erano 3 miglia di arrampicata sulla pista ciclabile.

Come si superano le battute d'arresto?

Rimango calmo e lavoro attraverso di loro, come faccio con le mie attività. Devi rimanere concentrato sull'obiettivo e poi mettere in atto attività per risolvere cosa potrebbe essere andato storto. A volte una sfida non è giusta per te e devi accettarlo. Ad esempio, ho provato a completare 8 Bridges Hudson River Swim ma era fuori dalla mia portata.

Che consiglio vorresti ricevere prima di iniziare a gareggiare?

Ho imparato tutto nel modo più duro da solo senza consigli, ma penso che questo mi abbia reso un atleta migliore. Ho fatto tanti errori; bici sbagliata, cambio, muta, infortunio, allenamento eccessivo, incidenti e altro, ma ho imparato tanto. È il viaggio che conta!

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2020?

Completa la nuotata con l'orso polare, fai un altro Ironman 70.3, completa una nuotata a lunga distanza e porta le mie ragazze a 2k in acque libere e sulla strada; hanno 12 e 13 anni.

Da chi prendi ispirazione?

Tutti i miei amici fanno cose incredibili e io li guardo e sono in soggezione! Nuotando nei campionati mondiali di acque fredde, la mia amica Corinne Clarke che va a Kona, vedendo Sarah Thomas nuotare nel canale 4 volte consecutivamente, Ross Edgley e Lewis Pugh.

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

Adoro il fatto che sia sostenibile ma anche tecnico. È un marchio che si sforza di essere il migliore. Adoro le scarpe da ginnastica a piedi nudi perché adoro indossare meno in palestra sui miei piedi e, naturalmente, il costume da triathlon da donna - perché sono io!

x
x