Sam Mileham GB Triatleta Sundried Ambassador

I triathlon non sono solo nuoto, ciclismo e corsa. Dai blackout ai bagni di ghiaccio, Sam Mileham racconta a Sundried cosa serve per rappresentare la Gran Bretagna come triatleta di fascia d'età.

Sei sempre stato nello sport?

Sì, fin dalla giovane età ho sempre praticato una sorta di sport, che fosse calcio, nuoto o corsa; Mi è sempre piaciuto essere coinvolto nello sport.

Cosa ti ha fatto decidere di partecipare a un triathlon?

In realtà non riesco a ricordare cosa mi abbia fatto entrare nel triathlon, ma so che la mia prima gara è stata quando avevo 9 anni. Sono abbastanza sicuro che mio padre avesse iniziato a farle più o meno nello stesso periodo e mi ha suggerito di provarne una. Ho provato e da allora non mi sono più fermato!

Qual è stata la tua migliore gara fino ad oggi?

È difficile ... Penso che il mio miglior risultato dovrebbe essere il 10 ° ai Campionati Europei di Triathlon 2016. Non avevo la migliore preparazione invernale, quindi ha impostato bene la mia stagione ed è stato anche uno dei miei obiettivi principali per l'anno finire tra i primi 10 in Europa, quindi ottenerlo è stato un inizio anno brillante.

E il tuo risultato più orgoglioso?

Penso che questo debba essere selezionato per due anni consecutivi per il "Giovane triatleta dell'anno" della rivista 220. Nel 2016 posso ricordare quanto fossi scioccato nel vedermi nella lista e quando ho visto il mio nome sulla lista quest'anno sono rimasta ugualmente sbalordita e molto orgogliosa di essere stata in quella lista.

Hai mai avuto disastri nelle corse / la tua gara più dura?

La mia gara più dura era decisamente in lotta per la mia migliore gara, ma ha contenuto un leggero disastro. Messico, Cozumel, 38C, Campionati del mondo 2016, ero al 9 ° posto a 500 m dalla fine. Poi sono svenuto, ricordo di essere stato sul pavimento e poi nel bagno di ghiaccio. Sono riuscito a superare il traguardo in quello che è finito per essere 35 °, ma non ricordo affatto gli ultimi 500m. È stata una grande gara, una gara dura, con un piccolo disastro alla fine!

Come si superano le battute d'arresto?

A pensarci bene nessuno me lo aveva mai chiesto prima. Per ora direi che la risposta è nella domanda prima. Se mi infortunio, mi ammalo o faccio qualche brutto allenamento, penso solo a quello che sono capace di fare prima che si verifichi il disastro. So che le prestazioni ei tempi sono in me quindi ricordo sempre quello e quello che voglio fare ai Mondiali di quest'anno: finire tra i primi 10 senza crollare!

Qual è il miglior consiglio che vorresti che qualcuno ti avesse detto prima di iniziare a gareggiare?

Semplicemente, fidati del processo.

È un lungo inverno. Puoi avere tanti alti e bassi ma confida che funzionerà e entrerai in estate nella migliore forma possibile.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2017?

Di sicuro ho alcuni obiettivi per quest'anno. Il primo sarebbe quello di ottenere una medaglia ai Campionati Europei di Aquathlon, quindi finire tra i primi 5 ai Campionati Europei di Triathlon e Top 10 ai Campionati del Mondo. Gareggerò anche nella British Junior Elite Super Series, quindi spero in una classifica davvero buona alla fine dell'anno in quanto è il mio ultimo anno da junior. Il mio obiettivo finale è fare del mio meglio nei miei A-Level!

Da chi prendi ispirazione?

Prendo molta ispirazione da tutte le persone intorno a me. Mi alleno con molti gruppi diversi di persone di tutte le abilità che hanno tutti storie diverse da raccontare. Come sono arrivati ​​dove sono, come si allenano attualmente, cosa hanno in programma di fare e tutti loro mi ispirano a fare del mio meglio ea continuare a inseguire i miei obiettivi. Tutti loro si allenano il più duramente possibile per arrivare dove vogliono essere e stare con loro mi fa venire voglia di fare esattamente lo stesso.

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

È raro vedere un marchio spingere così tanto su come è realizzato il proprio kit e questo è ciò che distingue Sundried. Tutto ciò che fanno ha la minima impronta di carbonio. Dalla progettazione alla produzione, distribuzione, utilizzo e smaltimento. Si potrebbe dire che il triathlon è uno sport a basse emissioni di carbonio, quindi perché non indossare indumenti a basse emissioni di carbonio.

A chi non piace una buona maglietta e, cosa più importante, una maglietta elegante e comoda? Mi piace molto l'Olperer T-shirt da allenamento da uomo- soddisfa tutte le aspettative per me!

x
x