Sam Hudson Triatleta Sundried Cycling Hill

Sam è un giovane duatleta che ha deciso di dedicarsi alle corse multisport dopo che un amico lo ha ispirato. Parla con Sundried delle sue gare migliori e peggiori.

Sei sempre stato nello sport?

Sono sempre stato appassionato di sport e ho preso parte a una gamma piuttosto ampia tra cui rugby, canottaggio e persino football americano durante l'università.

Cosa ti ha fatto decidere di partecipare al triathlon?

Dopo la laurea all'università volevo trovare un nuovo sport da intraprendere per mantenermi in forma. Un mio amico era un appassionato di triatleta e in qualche modo mi è venuta l'idea di provarne uno. Nonostante non lo prendessi particolarmente sul serio e le prime due gare fossero vere e proprie lotte, sono diventato dipendente sia dalle corse che dall'allenamento e ho deciso di dedicarmi completamente a questo sport.

Qual è stata la tua migliore gara fino ad oggi?

La mia migliore gara fino ad oggi è stata probabilmente la qualificazione ai Campionati del Mondo di Duathlon di quest'anno. Nonostante le condizioni piuttosto terribili, mi è sembrata la mia gara più completa e ottenere un posto automatico per i Campionati del Mondo in Canada è stato davvero speciale.

E il tuo risultato più orgoglioso?

Rappresentare la Gran Bretagna ai Campionati Europei di Duathlon è stato sicuramente il punto più alto fino ad ora, e anche se la gara non è andata secondo i piani, l'intera atmosfera e arrivare a correre per la GB è stata un'esperienza indimenticabile.

Hai mai avuto disastri nelle corse / la tua gara più dura?

Ho corso il Triathlon di Londra nel 2015 e non sarebbe potuto andare molto peggio. Nonostante una bella nuotata, il caldo e l'alimentazione mal pianificata hanno presto avuto il sopravvento e quando sono arrivato alla corsa non ho potuto raccogliere più di una breve passeggiata.

Come si superano le battute d'arresto?

Migliore pianificazione. La maggior parte delle battute d'arresto, sia nelle gare che negli allenamenti, sono derivate da una scarsa preparazione. Ma in un certo senso, questi sono i più facili da risolvere una volta che hai identificato come hai sbagliato.

Qual è il miglior consiglio che vorresti che qualcuno ti avesse detto prima di iniziare a gareggiare?

Non cercare di sfoggiarlo il giorno della gara, in particolare quando si tratta di alimentazione. La pratica rende perfetti e questo vale per la dieta tanto quanto per il nuoto, il ciclismo e la corsa. Non c'è sensazione peggiore che sapere di avere la forma fisica per andare più forte ma non essere in grado di farlo a causa di una scelta sbagliata a metà gara.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2017?

I miei obiettivi principali per la stagione 2017 sono di posizionarmi tra i primi 3 tra gli atleti britannici della mia fascia d'età ai Campionati mondiali di duathlon, e quindi anche di qualificarmi per un posto agli European Sprint Triathlon Championships 2018 a Glasgow.

Da chi prendi ispirazione?

Quando si parla di triathlon devono essere i fratelli Brownlee. Probabilmente è un po 'un cliché, ma la loro capacità di spingere i loro corpi all'estremo assoluto mi fa sempre venire voglia di spingere un po' più forte quando si arriva alle ultime centinaia di metri.

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

Trascorrere così tanto tempo a correre e andare in bicicletta ti fa davvero apprezzare l'ambiente, in particolare come qualcuno che trascorre molte ore di allenamento a Londra. Penso quindi che sia fantastico che la protezione dell'ambiente insieme alla promozione dello sport che amo sia una parte fondamentale di ciò che Sundried mira a raggiungere. Per quanto riguarda il kit, sono sempre stato un fan di una tuta da triathlon a maniche lunghe e penso che la tuta da triathlon Pro di Sundried sia fantastica!

x
x