Ironman triathlon finire l'ambasciatore Sundry

Rebecca scoprì triathlon dopo un infortunio e presto divenne la sua passione.Parla con Sunsecched di alti e bassi.

Ti piace sempre lo sport?

Crescendo, ero proprio io l'8217t sportivo a scuola.Facevo l'evento equino e competevo il mio pony welsh da adolescente e per lo più il mio tempo fuori dalla scuola era consumato da cavalcare e prendersi cura di lei.

Quando mi sono trasferita da casa a scuola di veterinaria mi sono innamorata di una corsa di resistenza.Ogni settimana correvo lungo il canale di Glasgow e tentavo di andare oltre, divenne la mia abitudine settimanale, finendo con me a correre la maratona di Manchester nel mio ultimo anno di università.».

All'università ho anche iniziato a giocare a lacrosse, mi sono innamorata del brivido dello sport e sono diventato presto vice capitano e poi co-capitano.Grazie alla mia voce alta!

Cosa ti ha fatto decidere di entrare nel mondo del triathlon?

Dopo aver corso la maratona di Manchester senza alcun programma di formazione strutturata o di forza e condizionamento ho sviluppato alcune terribili niggles e lesioni che solo sarebbe stato sussidio. Ero ansioso di iniziare una carriera di ultra running ma non era in grado di correre anche un chilometro.Ho visto la fisioterapia due volte a settimana e niente mi ha aiutato, quindi ho deciso se posso fare un solo sport, tanto vale fare tre!Un po'matto!Tutto questo succedeva nello stesso periodo della laurea in veterinaria e del trasferimento in Australia.Avrebbe potuto essere più perfetto.Mi sono unito al Tri Club locale (Bayside Multisport e Next Level Tri Coaching) e mi sono completamente innamorato.

Il resto è storia…

Quali sono stati finora la tua razza preferita e perché?

E'difficile, tra i Campionati del mondo ITU Long Course l'anno scorso e la Ironman Copenhagen, che è stata anche l'anno scorso.

ITU Worlds erano brillanti perché era una gara dove tutto realmente è andato a posto.Ho avuto un brutto incidente auto sedici settimane prima e mi sono sentito enormemente grato di arrivare alla forma sorprendente e fresco!Il mio coach Jason Shields di Thrive Endurance aveva fatto un lavoro cosi'brillante di farmi venire in forma fresco da un letto d'ospedale e gravi ferite alla testa.L'intera corsa e'stata davvero epica, mi sono sentita cosi' grata di poter essere li'a gareggiare e condividerla con dei fantastici compagni di squadra.

La nuotata ha avuto un inizio difficile, e ad essere sinceri e'stato un completo disastro.Quando non c'era nessuno, non c'era il conto all a rovescia e c'era un po'di confusione.Dopo essere stato colpito su e nuoto su più volte ho finalmente impostato in un ritmo e il resto della corsa potrebbe t era stato migliore.Avevo lavorato sodo alla mia tecnica di nuoto e ha funzionato.Avevo lavorato duro sul mio modulo di bici, e ha funzionato, e la corsa si sentiva facile e confortevole, fino a che il coach s s annuisce a spingere.Ho amato ogni secondo.Racing in colori GB e arrivando 5th era anche abbastanza impressionante!

E il tuo miglior risultato?

Finito il mio primo Ironman a Copenhagen in un periodo di 10:58 con una brutta fascite plantare; pensavo che la corsa non sarebbe mai finita!

Hai mai avuto dei disastri da corsa o della gara più dura?

Il mio primo triathlon e'stato un Ironman in prima linea per l'Australia Ironman.Mi sono schiantato la mia bella bici nuova e mi sono spaccato la clavicola.La moto era ok, ma la mia clavicola era t. Mi sono operata un paio di settimane dopo e il mio sogno Ironman era fuori dalla finestra per un'altra stagione.

Come si superano gli ostacoli?

Faccio un giochetto con me stesso.A volte mi racconto di tutte le altre persone al mondo che stanno attraversando situazioni molto piu'difficili al momento.Mi ricordo che questa è la mia scelta.Tutto nella vita e'una scelta.Posso scegliere di fermarmi se voglio, ma non voglio farlo.

Penso anche a cosa sarebbe peggio. Ad esempio, "sarebbe peggio se dovevo correre 100 km dopo aver finito l'Ironman", sembra ridicolo, ma funziona per me. L'altra cosa che mi piace fare è passare attraverso tutte le cose positive sulla situazione in questo momento. Ad esempio, la mia testa si sente benissimo, le mie braccia si sentono benissimo ecc.

Che consiglio desideri che ti sia stato dato prima di iniziare a competere?

divertirsi! E immergiti ogni minuto!

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2019?

Forse un po' ambizioso, corri Ironman UK e qualificati per Kona. Continuo a provarci finché non ci arrivarò!

Da chi prendi ispirazione?

Naturalmente le persone ovvie come Lucy Charles, Daniela Ryf e Michelle Vesterby. A volte, quando sto davvero lottando sui miei intervalli di bici o con un set da bagno duro penso che "Lucy Charles non si arrenderebbe!"

Anche il mio allenatore è una grande ispirazione per me. Ho fatto squadra per Jason all'Ultraman Australia l'anno scorso e la sua energia era implacabile. Ultra man Australia aggiunto alla mia lista dei desideri.

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

Adoro il fatto che Sundried sia ecologico! È così radicato essere coinvolti in un'azienda che si preoccupa dei rifiuti che stiamo producendo senza compromettere la qualità. Le leggings in esecuzione guardare e sentirsi bene, e non vedo l'ora di provare il nuovo kit ciclismo donna in questa stagione.

x
x