Allenatore di triathlon atleta d'élite

Michelle Dillon è una due volte triatleta olimpica che ha iniziato la sua carriera come corridore di 10.000 metri ai Giochi del Commonwealth. Ha rappresentato la Gran Bretagna in molte gare straordinarie, vincendo l'argento ai Campionati mondiali di duathlon nel 2001, l'oro ai Campionati europei di triathlon lo stesso anno, finendo 1 ° al Triathlon di Londra nel 2002 e tornando a rivendicare l'oro ai Campionati mondiali di duathlon in 2005, tra molti altri. Dopo che un infortunio alla schiena ha interrotto la sua carriera nel 2008, si è rivolta all'allenatore e ha allenato alcuni dei migliori atleti che il paese ha da offrire come Jodie Stimpson ed Emma Pallant. Si è presa un po 'di tempo fuori dal suo programma fitto di appuntamenti per rispondere ad alcune domande per Sundried sulla vita da atleta diventata allenatrice.

Vieni da un background sportivo / familiare?

Sì, quando sono cresciuto ho scoperto la corsa e questa è stata la mia passione fin da piccola. L'ho perseguito e ho iniziato ad allenarmi più seriamente quando avevo circa 13 anni. Ho visto miglioramenti immediatamente e sono andato a vincere cross country per la mia scuola, poi più tardi a 21 anni ho rappresentato il mio paese (che all'epoca era l'Australia) ai Giochi del Commonwealth nei 10.000 m. I miei genitori non erano particolarmente sportivi, avevo solo bisogno di correre e seguire i miei sogni!

Crescendo, hai sempre saputo di voler essere un atleta d'élite?

Quando ho scoperto la corsa per la prima volta e ho iniziato ad allenarmi più seriamente, sapevo che volevo essere un atleta d'élite, avevo così tante motivazioni per allenarmi anche da solo. Andavo a correre dopo la scuola e inventavo la mia formazione, mi piaceva semplicemente spingere me stesso e sapevo che questa sarebbe stata una parte enorme della mia vita. Ho lasciato la scuola e ho immediatamente seguito i miei sogni e ho iniziato a guadagnarmi da vivere con lo sport, così sono stato in grado di mantenermi e vedere fino a che punto potevo arrivare.

Nuoto Coaching Pool Water

Credito fotografico: Darren Wheeler www.thatcameraman.com

Quale consiglio vorresti che qualcuno ti avesse detto quando hai iniziato a gareggiare per la prima volta?

Non allenarti troppo. Non sapevo che gli infortuni fossero qualcosa che avrei dovuto affrontare per la maggior parte della mia carriera. Potrei spingere me stesso tutto il giorno ma il mio corpo si spezzerebbe facilmente. Ai tempi in cui gareggiavo, non c'erano abbastanza consigli su forza e condizionamento, invece era più allenamento che potevi fare più forte e duro eri. Quindi gli infortuni per me mi hanno impedito di raggiungere il mio pieno potenziale!

Qual è qualcosa di insolito che potremmo non sapere già su di te?

Beh, sono nato un bambino breccia (i piedi prima) e il cavo era avvolto intorno al mio collo che mi ha impedito di respirare. Sono stato portato in terapia intensiva, pensavano di avermi perso, ma per fortuna mi hanno riportato in vita. Immagino di voler correre dall'inizio!

Qual è stata la tua parte preferita delle competizioni a livello d'élite?

Gareggiare con i migliori al mondo e riuscire a spingermi oltre i miei limiti. Ho amato la spinta e sfidare me stesso ad essere il migliore che potevo essere come atleta.

Emma Pallant Ironman 70.3 World Champs Silver

Qual è stato finora il momento più orgoglioso della tua carriera?

Quando ripenso alla mia carriera ora non penso necessariamente che sia stata una gara in particolare che ho vinto che mi ha reso orgoglioso, è stato più quello che avevo superato con gli infortuni per arrivare sulla linea di partenza. Ad esempio, nell'ultimo anno della mia carriera ho sofferto di problemi alla schiena per anni, ma quest'anno in particolare ho avuto due protuberanze del disco che sono state estremamente dolorose e mi hanno limitato a letto per mesi alla volta. Pensavo che la mia carriera fosse finita quando i medici mi hanno detto di smetterla, tuttavia mi sono dato un'altra possibilità al "ritorno" e mi sono sorpreso di vincere una gara senza draft negli Stati Uniti contro alcuni concorrenti di classe mondiale e ho battuto il record del percorso . Mi ha dimostrato che con la giusta mentalità e determinazione puoi fare tutto ciò che vuoi. Il mio anno è durato qualche altra gara prima che dovessi subire un'operazione importante alla colonna vertebrale.

Come si superano le battute d'arresto?

Proprio come quello di cui stavo parlando sopra, le battute d'arresto possono essere dure e molto impegnative come atleta e nella vita in generale. Lo sport mi ha insegnato molto su me stesso, soprattutto quando ho avuto grandi battute d'arresto nella mia carriera. Restare pazienti è estremamente importante ma certamente non facile, le battute d'arresto costruiscono il carattere e se riesci a superarle torni sempre più forte!

Come si confronta l'essere un allenatore con l'essere un atleta?

È completamente diverso. Come atleta, devi solo pensare a te stesso e al tuo allenamento, mentre essendo un allenatore sei responsabile della carriera di qualcun altro; li aiuti a prendere decisioni che possono essere cruciali per il loro sviluppo nello sport. Devi essere molto comprensivo e paziente.

Emma Pallant Michelle Dillon Coaching Winner Champ

Qual è la tua parte preferita dell'essere un allenatore di triathlon?

Amo essere in grado di trasmettere la mia conoscenza da tutte le cose che ho imparato durante la mia carriera, quindi se ho commesso degli errori cerco di assicurarmi che non facciano lo stesso. È molto gratificante assumere un atleta, che si tratti di un atleta di classe mondiale o di un atleta del gruppo di età, vedere tutti i miei atleti fare bene mi rende molto orgoglioso.

Che consiglio daresti a chi entra per la prima volta nel mondo del triathlon?

Direi che investi in un buon allenatore, è così prezioso avere un allenatore con le conoscenze per aiutarti a fare i miglioramenti e aiutarti a parlare durante il tuo allenamento, darti consigli su nutrizione, infortuni, ecc. Abbiamo una serie di World Class allenatori che allenano atleti a tutti i livelli dal principiante all'atleta più avanzato e siamo pronti ad aiutarti. Contattaci tramite il nostro sito web Team Dillon Coachingper conoscere il nostro coaching.

x
x