Ambasciatore triatleta con il sole in corsa

Paula ha deciso di lasciare il suo lavoro per perseguire il triathlon a tempo pieno e da allora ha completato alcune delle gare più difficili del mondo. Parla con Sundried di allenamento e corse.

Sei sempre stato nello sport?

No, ero un corridore per divertimento ma niente di serio. Poi nel 2012 ho deciso di lasciare il mio lavoro nell'editoria per diventare triatleta.

Cosa ti ha fatto decidere di entrare nel mondo del triathlon?

Volevo mettermi alla prova e vivere lo stile di vita del triathlon. Ho sempre pensato che fosse qualcosa di impossibile da fare ma lo adoro! Non credo che tutto sia impossibile. Se lo sogno, posso farlo.

Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

Ho tanti favoriti ma direi il mio primo ultraman in Brasile. Era magia. Mi sono allenato molto duramente per questo ed è stato solo un sogno che si è avverato. Ha davvero cambiato la mia prospettiva sulla vita.

E il tuo risultato più orgoglioso?

Sicuramente la mia ultima gara in Canada quando ho vinto la doppia maratona e sono finito tra i primi 5 assoluti. Il Canada ha l'ultramaratona più dura di tutte le gare ultraman. È stato sicuramente uno dei miei più grandi successi. Mia madre, mio figlio e il mio migliore amico australiano erano lì con me. È stato molto speciale.

Hai mai avuto disastri da corsa / la tua gara più dura?

Il più duro è stato Ironman Fortaleza in Brasile. Chiunque conosca questa gara capirà quanto sia dura. Non molte persone l'hanno finito e in realtà non esiste più perché è stato così difficile, ma l'ho fatto 3 volte. È il tipo di gara che ti dà enormi soddisfazioni quando lo finisci. Combatti contro la tua mente fino in fondo.

Come superare le battute d'arresto?

Cerco di non spingermi troppo forte e di rimanere positivo concentrandomi su qualcosa di diverso. Cerco anche di dormire il più possibile. Dormire è il mio modo di superare un brutto momento.

Che consiglio desideri che ti sia stato dato prima di iniziare a competere?

In realtà non riesco a pensare a niente; Non mi pento di nulla e mi piace l'idea che ho seguito il mio istinto per trovare la mia strada nello sport.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2019 e il 2020?

Dopo aver corso 4 gare ultraman e 2 dure ironman in 2 anni ho deciso di fare una pausa fino al 2020.  Il mio ultimo ultraman è stato tre settimane fa. Ho bisogno di un po' di tempo per organizzare la mia vita come sono ovunque dal 2017. Il Regno Unito è la mia casa ora. Ho in programma di fare 3 gare ultraman nel 2020.

Da chi prendi ispirazione?

Mia madre. È lei che mi incoraggia sempre a seguire i miei sogni e non si arrende mai a me. È la più giovane 70enne che abbia mai visto e gioca ancora molto sport da sola.

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

Adoro l'aspetto e la qualità di esso. È fresco e si adatta molto bene. La tuta da triathlon è la mia preferita.

x
x