Ambasciatore appassionato di ciclismo

John ha una passione per il ciclismo a scatto fisso e ha grandi sogni e aspirazioni. Parla con Sundried dell'allenamento e delle corse.

Hai sempre praticato sport?

Sono stato attratto dagli sport individuali; Amo la natura di competere contro ciò che credi sia possibile. Mi piace sfidare me stesso e, essendo sempre sull'orlo del fallimento, impari molto su te stesso.

Cosa ti ha fatto decidere di entrare nel mondo del triathlon?

Come dice il proverbio, "Perché essere cattivo in uno sport quando puoi essere cattivo in tre?" Sono stato coinvolto nel triathlon con l'obiettivo di completare un Ironman. Per il mio quarto triathlon ho finito l'Ironman Wales, che era un enorme obiettivo personale per me e mi ha preparato per ulteriori sfide da seguire. In un certo senso, penso che il rapido passaggio all'Ironman sia stato un vantaggio. Non sapevo cosa potesse andare storto perché non avevo molta esperienza nel triathlon, ma non lo promuovo come metodo di allenamento!

Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

Nel 2019 ho preso parte alla cronoscalata Audax di 24 ore ad Athy, in Irlanda. Ho fatto 453 km su una bici da pista a scatto fisso e l'ho adorato. Basta vedere cosa sei capace di fare perché non c'è un traguardo solo un orologio. Questo è stato il mio primo TT ed ero l'unica persona ad averlo completato su una bici a scatto fisso. Se non puoi vincere, sii l'unica persona a fare quello che stai facendo, in questo modo sei sempre il migliore del tuo campo!

E il tuo risultato più orgoglioso?

Una volta ho remato dal Galles all'Irlanda per il Council of the Blind e ho avuto il piacere di farlo con Mark Pollock che è stato per me un'ispirazione nelle sue avventure e nel lavoro che sta facendo per la ricerca sulla paralisi.

Hai mai avuto disastri nelle corse / la tua gara più dura?

Penso che sia stato il mio secondo triathlon. Ho indossato l'orologio sopra la manica della muta per vedere il mio tempo e poi ho continuato a dimenticare, quindi durante la transizione sono rimasto intrappolato all'interno della manica della mia muta. Penso di essere l'unica persona a rimettersi una muta in fase di transizione!

Come si superano le battute d'arresto?

Accetta il fatto che arriveranno le battute d'arresto e riconosci di averle superate in passato. Continuare ad andare avanti; ogni successo costruisce la forza interiore. Questo è il motivo per cui avere la possibilità di fallire è una buona cosa.

Che consiglio vorresti ricevere prima di iniziare a gareggiare?

Penso che avere due passioni sportive sia una buona cosa. Se il tuo obiettivo è una sfida di corsa, pedala per divertimento. Molte volte mi sono posto delle sfide e ho sentito che se è in kayak, allora mi limito a fare kayak, ma negli anni ho capito che facendo numerosi sport non perdono mai il loro divertimento.

Quali sono i tuoi obiettivi?

Il cambio fisso mi ha afferrato come nessun altro sport. La sua semplicità e la sua storia. Ho costruito un corridore su pista di 80 anni e intendo nel 2020 completare la distanza di 467 km che è stata la tappa inaugurale del Tour de France del 1903. Ho qualche idea in più ma puoi garantire che la mia attrezzatura fissa in acciaio sarà coinvolta.

Da chi prendi ispirazione?

I primi pionieri delle corse su strada, Maurice Garin e altri dall'inizio del 1900. Nei giorni nostri prendo ispirazione da artisti del calibro di Mark Beaumont "l'uomo che ha pedalato per il mondo" e Mark Pollock di cui ho parlato prima, entrambi oratori di Ted che ti ritrovi a pianificare la tua prossima avventura mentre li ascolti.

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

Prima di tutto, adoro la qualità degli attrezzi secchi. Ho usato la maglia e i pantaloncini Peloton come abbigliamento da ciclismo quotidiano e lo adoro. Inoltre gli aspetti ambientali di Sundried utilizzando tessuti riciclati e sono pronto ad essere un ambasciatore del marchio.

x
x