ciclista triathlon atleta Sundried activewear ambasciatore

Jessica non si è resa conto del suo potenziale finché non si è qualificata per il team GB Age Group. Ora ha il suo mirino impostato sul competere. Parla a Sundried di allenamenti e corse.

Sei sempre stato nello sport?

Sì, da quando riesco a ricordare. Triathlon è relativamente nuovo per me; ci sono entrato all'università. A scuola ero conosciuto come il 'jock' mentre mi gettavo in ogni sport che mi veniva offerto. L'hockey è stato il mio principale focus a scuola, giocando a livello regionale in Scozia fino a 18 anni. Ho poi scambiato quello per il triathlon di tre anni fa e da allora non guardati indietro.

Cosa ti ha fatto decidere di entrare nel mondo del triathlon?

Mi piace una sfida e la combinazione di tre sport mi intrecciava come sapevo che avrebbe lavorato tutto il mio corpo in punti diversi. Mi sono introdotto ai triatleti all'università e ho amato la loro etica e l'atteggiamento nei confronti dei loro corpi e dello sport che hanno fatto. Triathlon non solo lavora il tuo corpo, sfida anche la tua forza mentale e credo che mi abbia decisamente reso più forte tutto il giro.

Qual è stata la tua corsa preferita ad oggi e perché?

La mia gara preferita è stata la Scottish Sprint Championship al Monikie Park vicino a Dundee. La nuotata era in uno degli stagni del parco e il corso di bici era ondulato e impegnativo, ma ci ha portato attraverso la bella campagna di Angus. Il maltempo era bellissimo e il supporto della folla era assolutamente epico. Ottenere un piper per pisciare dentro l'acqua è stato fantastico e mi sono sentita fisicamente adatta e buona durante tutta la gara. E'sicuramente un ricordo affezionato al mio.

gara open water nuoto triathlon

E il tuo raggiungimento più grande?

Nel mondo del triathlon è stato piazzato nella top tre per la mia categoria di età (20-24) nella prima grande gara che abbia mai fatto. Quello era lo Scottish Sprint Championships nel 2019. È stata una tale sorpresa e significava che avrei qualificato per British Age Group! Purtroppo non me l'aspettavo affatto così non registravo per Age Group, visto che non avevo fatto più allenamento come avrei voluto e non credevo alle mie capacità. Ora lo faccio!

Sono anche orgoglioso di aver inserito la 1a nella Scottish Sprint Race Series nel 2019 per la mia fascia di età 20-24. Era così inaspettato!

Al di fuori del triathlon, stava decisamente completando la Maratona di Edimburgo nel 2019. Questa è stata la cosa più difficile che abbia mai fatto e sono così orgoglioso di averlo completato.

Hai mai avuto disastri da corsa / la tua gara più dura?

I miei disastri da corsa mi coinvolgono sempre. Il peggio è stato durante la Exe Valley Sprint Triathlon nel 2019, dove mi stavo concentrando così tanto sulla moto che mi sono perso completamente il giro punto per un e indietro corso, nonostante tutti i marescialli che mi hanno urlato contro, e sono andato un extra 15km minuti prima di realizzare nessuno era intorno a me e che mi sono andato molto male. L'ho riso e sono tornato indietro, completando la corsa e arrivando secondo ultimo, nonostante facesse l'equivalente di una distanza standard sulla moto!

Come si superano le battute di arresto?

Imparare che ognuno ha delle battute d'arresto e non sarà perfetto per tutto il tempo. Le battute d'arresto per me hanno coinvolto lesioni in cui ho dovuto stare spento per settimane, ma nonostante le mie preoccupazioni sono riuscito a recuperare e a costruire il mio fitness fino a dove si trovava. Ogni battuta d'arresto mi ha insegnato ad essere più gentile con me stesso e a badare al mio corpo correttamente.

Quando faccio qualcosa di sbagliato in una gara, non ha senso arrabbiarsi e infastidire. Si impara, e lo si stacca e si sa di non farlo più! Tutto è un'esperienza.

Che consiglio ti piacerebbe che ti fosse dato prima di iniziare a competere?

Allenarsi correttamente e concentrarsi sulla vostra dieta (non troppo ma un importo adeguato). Ho scoperto di essere più suscettibile agli infortuni perché sono andato dritto in grandi gare senza preparare adeguatamente il mio corpo con il giusto rafforzamento e i giusti nutrienti. Lo so ora! Ma ho imparato la strada difficile.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2020?

Ora che so che mi sarei qualificato per la British Age Group se mi fossi registrato, è sicuramente nel mio mirino quest'anno. Questo è il mio obiettivo principale per quest'anno.

Dato che sono ancora relativamente nuovo nello sport dopo averlo fatto solo per 3 anni, i miei obiettivi sono migliorare i miei PCB per le mie discipline, in particolare il nuoto. Mi sto concentrando in particolare sulla raffinazione della mia tecnica.

Da chi prendi ispirazione?

Ho ascoltato l'audiolibri di Chrissy Wellington "A Life Without Limits" e mi ha ispirato a credere di essere in grado di fare triathlon e fare bene il triathlon!

La sua storia di come è entrata in competizione è incredibile e ora detiene i titoli di Ironman World! Ha superato l'infortunio e tutte le sfide che la vita può lanciare. La trattenerò sempre in soggezione.

Seguo molti triatleti britannici sui social media, come Jess Learmonth e Vicky Holland, e il loro bilanciamento della formazione mi ispira sempre mentre lavorano così duramente e dopo aver visto il WTS posso vedere quanto duro lavoro ripaga.

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

Adoro il fatto che Sundried usi materiale riciclato o rinnovabile per il loro kit. Penso che li poni al di sopra di altri marchi sportivi nel fare uno sforzo per essere sostenibili e lo rispetto davvero.

Adoro le loro cime, in particolare i giubbotti sportivi in quanto si adattano bene al mio corpo e sono così comodi da indossare, specialmente durante le faticose sessioni di allenamento come la pista in una calda giornata estiva.

Le giacche penso anche che siano così eleganti e possano essere indossate al di fuori del mondo dello sport.

x
x