ambasciatore dell'atleta che esegue il triathlon

Jamie è un triatleta neozelandese che ora vive nel Lake District e partecipa regolarmente alla gara di distanza di ferro di Lakesman. Parla con Sundried dell'allenamento e delle corse.

Sei sempre stato nello sport?

Sì, lo sport ha avuto un ruolo importante nella mia vita da quando ricordo. Sono cresciuto in Nuova Zelanda praticando più sport che potevo, tuttavia eccelso particolarmente nel cricket, dove all'età di 15 anni ho ricevuto una borsa di studio sportiva in una delle migliori scuole sportive della Nuova Zelanda. Poi ho giocato per la mia contea a tutti i livelli di età e sono stato selezionato per la squadra neozelandese di cricket under 19.

Cosa ti ha fatto decidere di entrare nel mondo del triathlon?

Ho avuto un interesse per il triathlon dagli anni '90, quando ogni anno io e mio padre andavamo in bicicletta per vedere l'inizio dell'Ironman neozelandese.

Volevo entrare nello sport del triathlon in tenera età, tuttavia il cricket è venuto prima. Mi sono rotto la schiena quando avevo 20 anni dopo essere caduto da un tetto e purtroppo ho dovuto ritirarmi dal cricket.

Non è stato fino alla metà dei miei 30 anni, dopo essermi stabilito nella mia nuova vita nel Lake District, nel Regno Unito, che ho deciso di acquistare una bici da strada e di unirmi a un club ciclistico locale. Mi piace molto andare in bicicletta nel Lake District, tuttavia ho deciso di provare il triathlon nel 2016. Sono entrato nel Keswick Mountain Festival Sprint Tri e mi sono piazzato tra i primi 20, da allora ho sicuramente preso il triathlon. Mi piace particolarmente il fatto che ti alleni per tre sport, il che mi rende più piacevole e quale posto migliore del Lake District per allenarmi per il triathlon.

Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

La mia gara preferita fino ad oggi è senza dubbio la gara The Lakesman Iron Distance a Keswick ogni giugno, ed è la festa del papà. L'atmosfera è incredibile e lo scenario è bellissimo. Il Lakesman Team è così amichevole e solidale, adoro il fatto di poter correre lungo lo scivolo di arrivo tenendo le mani dei miei due figli. The Lakesman nel 2018 è stato votato come miglior evento dell'anno alla serata dei premi BTF. Sono anche felice di dire che sono anche un Ambasciatore Lakesman del fine settimana di gara e amministratore della loro pagina di viaggio su Facebook.

E il tuo risultato più orgoglioso?

Ho due risultati di cui sono orgoglioso. Per prima cosa nel 2017, quando, nell'arco di 5 settimane, ho completato la Windermere Marathon, Fred Whitton Cycle Challenge e poi, per coronare il tutto, ho concluso il mio primo triathlon Iron Distance - The Lakesman.

E in secondo luogo l'anno scorso ho vinto i Campionati Cumbria Tri Sprint nella mia categoria di età 35-39 anni.

Hai mai avuto disastri nelle corse / la tua gara più dura?

Ho partecipato alla Manchester Marathon nel 2018 e speravo di ottenere un PB. Tutto andava bene fino a 18 miglia in ho sentito un forte dolore al polpaccio che mi ha costretto a fermarmi e poi zoppicare per le ultime 8 miglia. La diagnosi è stata un vitello strappato che ha avuto un effetto a catena per The Lakesman 6 settimane dopo, dove speravo di andare sotto le 11 ore e 30, tuttavia ero determinato a competere e finire il Lakesman per la seconda volta, sono riuscito a superare con successo 12 ore seppur zoppicando la maratona, che sembrava durare per sempre!

Come si superano le battute d'arresto?

Mi dico che c'è sempre qualcun altro là fuori che sta attraversando tempi molto più difficili di me. Come dice mia moglie, questa è la tua scelta. So che posso facilmente scegliere di fermarmi e uscire dal percorso, ma poi ho visioni di atleti para e veterani di guerra che gareggiano in Ironman, poi mi dico "qual è la tua scusa?"

Che consiglio vorresti ricevere prima di iniziare a gareggiare?

La coerenza è fondamentale nella formazione; non hai bisogno di mettere grandi miglia ogni volta che esci. Ascolta il tuo corpo e non aver paura di riposare per giorni se ti senti stanco.

Incorporare forza e condizionamento nell'allenamento e nello stretching regolare e nel rotolamento della schiuma.

Non spingere troppo sulla bici e pratica l'alimentazione del giorno della gara durante l'allenamento.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2019?

Il mio obiettivo principale quest'anno è completare Ironman Wales e esibirmi bene nella mia fascia d'età allo sprint locale e ai triathlon olimpici per tutta l'estate. Ma soprattutto voglio divertirmi e rimanere senza infortuni.

Da chi prendi ispirazione?

Prendo ispirazione da tutti gli atleti amatoriali là fuori, che gestiscono il lavoro e la vita domestica per raggiungere i loro obiettivi.

Mi spiro anche a professionisti come Cam Brown della Nuova Zelanda e Craig Alexander dall'Australia che hanno entrambi circa 40 anni e dominano ancora le gare.

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

Avendo recentemente deciso di adottare una dieta vegetale interamente alimentare e fare la mia parte nel ridurre l'impatto sul pianeta, mi è sembrata l'idea più logica e sostenibile per me di utilizzare prodotti realizzati con materiali riciclabili e biodegradabili.

L'etica dell'azienda è lodevole e spero che altre aziende seguano l'esempio.

Sono felice di essere a bordo con il team Sundried e non vedo l'ora di effettuare il mio ordine e utilizzare i loro vestiti da ciclismo e triathlon. Ho già una giacca imbottita che amo indossare e mi tiene al caldo.

x
x