Garrett Turbetta Paratriathlete Running

Garrett è un atleta irlandese che ha completato ultramaratoni da lunghi weekend per non fermare 24 ore di eventi. Parla a Sundried delle sue motivazioni come atleta e di come essere un papà lo ispira.

Sei sempre stato nello sport?

Sono cresciuta facendo molte arti marziali e boxe, ma ero sempre più interessato a cavalcare la mia moto. Sono stato fortunato a trascorrere i miei primi anni in una fattoria in Irlanda rurale, quindi andare in bici è stato il modo migliore per aggirarsi! Attraverso le mie prime adolescenza ero perlopiù in mountain bike, ma di 17 anni sono stato introdotto a Triathlon.

Cosa ti ha fatto decidere di entrare a triathlon?

Ho incontrato un allenatore di triathlon in una palestra a nord di Londra, ha piantato il seme ed è cresciuto da lì! La mia prima gara è stata del 1998 e ho racimitato un sacco di sprint e distanze olimpiche fino al 2002, che è stato quando sono stato affiancato per 18 mesi a seguito di un infortunio stradale. Una volta tornato ad allenarmi, ho passato i prossimi mesi concentrati a correre. Ho gestito eventi di atletica regionale e nazionale, ma le lunghe distanze sono state il mio interesse primario. Mi sono trasferita a correre a ultra maratone e ho racimolato tutto da gare di trail multi-day attraverso gli eventi 24hr non-stop. Il correre è facile, ma non dormire per quel lungo è duro!

Qual è stata la tua gara migliore ad oggi?

In triathlon direi probabilmente ITU Yokohama. Non è stato il mio risultato migliore, ma l'esperienza delle corse in Giappone è stata fantastica. Per i risultati, sarebbe dovuto essere il mio primo podio in una tripla irlandese all'ITU Edmonton.

E il tuo raggiungimento più grande?

Infranta il top-10 nella classifica mondiale dell'ITU. Ho finito la 11 nel 2015, quindi ho voluto davvero top 10 entro la fine del 2016. Ho finito la settima stagione. Vincere i campionati irlandesi nel 2015 è stato anche abbastanza figo!

Hai mai avuto disastri da corsa / la tua gara più dura?

Le mie gare più dure sarebbero alcune delle ultramaratone di montagna che ho fatto. Nel 2012 ho gareggiato un evento di 36 miglia nelle Black Mountains, South Wales. Il maltempo è stato un po' del peggio che abbia mai corso. Si trattava solo di sopravvivenza!

Come si superano le battute di arresto?

Ho fissato degli obiettivi che sono significativi. Finché avrò un obiettivo che voglio davvero realizzare, troverò un modo. Così quando pianifica eventi futuri e allenamento considero davvero quanto lo voglio. Lo voglio abbastanza da mettere in quelle piste ciclabili 100k in inverno? Voglio che sia sufficiente allenarsi ogni giorno prima di lavorare 10 ore? Se la risposta è sì, allora so che resterò concentrato a prescindere dalle battute d'arresto.

Qual è il miglior consiglio che desideri che qualcuno ti abbia detto prima di iniziare a competere?

È cliché ma solo goditelo. Quando ho iniziato a gareggiare nelle mie compagne, mi sarei stressato e nervoso prima di una gara fino al punto in cui la mia prestazione avrebbe sofferto. Ora so che se mi ricordo di guardare il quadro più grande, posso rilassarmi e godermi. Sì, certo, voglio ottenere il 100% da me stesso. Ma quando vado a casa la mia bambina vorrà ancora solo che il suo papà vada in bici al parco con lei, a prescindere dal mio tempo o dal mio posto.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2017?

Ho gareggiato il mio decimo evento d'élite ITU per la squadra irlandese, quindi era gol no.1. Next è in gara un evento a distanza di ferro in agosto, che farà parte di un build-up ad un full ironman della prossima primavera. Sto facendo anche qualche evento più "divertente", come una nuotata di mare del 2,5km in inglese Channel.

Da chi prendi la tua ispirazione?

Durante duri giorni in bici mi chiedo spesso "Cosa farebbe Sean Kelly?" sono cresciuta guardando King Kelly e lui è stata sicuramente un'ispirazione, nonostante non sia mai stato in grado di sprint!

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

I valori etici di Sundried sono una massiccia attrazione per il brand. Come padre di due, penso più a come le mie decisioni e le mie azioni debbano dare il buon esempio! Il Dom Tee è superbo per il running in. Molto morbido materiale e crocevia niente chaffing.

x
x