Atleta ambasciatore del marchio di abbigliamento sportivo all'aperto

Flora è un'atleta tedesca che gareggia anche nell'interessante sport delle gare di dragon boat. Parla con Sundried della vita nello sport.

Sei sempre stato nello sport?

Sì, sono sempre stato molto attivo. Ho iniziato a nuotare quando avevo 3 anni e da allora l'ho adorato. Quando ho compiuto 5 anni, mi sono iscritto a un club di nuoto e ho iniziato a nuotare agonistico. Ho praticato molti sport diversi come hockey, basket, gare di dragon boat, arrampicata e pallavolo.

Cosa ti ha fatto decidere di entrare nel mondo del triathlon?

Dopo aver nuotato per un paio d'anni, ho iniziato a rendermi conto che da solo non bastava, avevo bisogno di qualcosa di più. Il mio primo triathlon è stato una staffetta in cui ho gareggiato con due amici. Ho fatto la parte di nuoto e sono stata la prima donna a uscire dall'acqua. Mi è piaciuto lo spirito dell'intero evento, quindi ho deciso che era giunto il momento per un nuovo sport, più del semplice nuoto.

Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

La mia gara preferita finora è stata il campionato giovanile tedesco nella mia città natale. Ho avuto molto supporto dai compagni di squadra e dalla famiglia e ho rotto il mio PR nei 200 metri.

E il tuo risultato più orgoglioso?

Il risultato più orgoglioso è stato vincere i campionati regionali di gare di dragon boat grazie a un fantastico team di lavoro con uno spirito così grande.

Hai mai avuto disastri nelle corse / la tua gara più dura?

Per fortuna non ho ancora avuto dei veri disastri, perché cerco sempre di partire ben preparato, assicurandomi di essere pronto a correre. Ho avuto un infortunio al ginocchio che mi ha portato a non poter gareggiare in tutte le gare che volevo. Tuttavia, ho avuto un grande supporto dai medici e dal mio fisioterapista per superare questo infortunio.

Come si superano le battute d'arresto?

Cerco sempre di mantenere una mentalità positiva e guardo al lato positivo. Mi sono anche posto un obiettivo verso il quale lavoro, il che significa che mi concentro sempre su ciò che ho di fronte e cerco di non guardare indietro alle esperienze negative.

Che consiglio vorresti ricevere prima di iniziare a gareggiare?

Un buon consiglio sarebbe stato quello di cercare di concentrarsi sulla transizione, ad esempio aggiustare in anticipo le scarpe sulla bici. Un altro buon consiglio per il mio primo triathlon avrebbe potuto essere che le mute sono importanti, perché stavo congelando come uno degli unici a non indossare una muta.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2020?

I miei obiettivi per quest'anno sono rimanere senza infortuni, rimanere in forma durante la bassa stagione e ottenere un tempo inferiore a 1 ora e 5 minuti in uno sprint di triathlon.

Da chi prendi ispirazione?

Prendo ispirazione da molte cose, ad esempio guardando le gare di Ironman durante l'allenamento turbo. Un atleta in particolare sarebbe probabilmente Nick Bare, un ex bodybuilder che ora gareggia anche nel triathlon Ironman e nelle maratone e ti mostra che c'è sempre una sfida da affrontare.

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

Adoro i pantaloncini con bretelle Sundried, perché si adattano come una seconda pelle e l'imbottitura è molto ben ammortizzata.

x
x