bici da triathlon da corsa triatleta

David ha iniziato la sua carriera sportiva nel pentathlon moderno, ma ora ha gareggiato nel triathlon a livello internazionale. Parla con Sundried dell'allenamento e delle corse.

Sei sempre stato nello sport?

Abbastanza! Mi piaceva andare in bicicletta da bambino e all'età di 2 anni guidavo senza stabilizzatori. Prima di iniziare il triathlon all'età di 17 anni, il mio background era nel Pentathlon moderno. Ho iniziato a gareggiare seriamente all'età di 10 anni, rappresentando la Downsend School nei Campionati Nazionali di Biathlon delle Scuole. Questo mi ha avviato su un percorso per rappresentare la Gran Bretagna a livello U16 / 18 nel Pentathlon moderno, aggiungendo tiro, scherma e salto ostacoli all'età di 13 anni. È un grande sport, quello delle Olimpiadi di cui nessuno ha sentito parlare.

Come sei entrato per la prima volta nel triathlon?

È stato all'inizio del sesto modulo che ho iniziato a chiedermi se stavo facendo lo sport giusto. Ho avuto un insegnante di sport molto entusiasta che ci ha portato in un campo di addestramento al Club La Santa. Ero un vero pentatleta moderno, quindi ho solo corso e nuotato, ma lui ha insistito perché dovessi diventare un triatleta, cosa che mi ha fatto ridere all'epoca.

È stato così che sono rimasto per 6 mesi fino a quando ho iniziato a chiedermi se il Pentathlon moderno fosse lo sport giusto per me. Avevo raggiunto un buon livello ma sentivo che la mia incapacità di gestire i miei nervi era una battaglia che stavo perdendo. Sono sempre stato bravo nella parte sofferente, ma alcuni atleti sembravano riuscire a mantenere la calma con la pistola in mano anche nelle occasioni più grandi. Mi arrivavano le grandi occasioni e la mia mano a volte tremava per l'adrenalina mentre miravo. Lo stesso valeva per il salto ostacoli. Il triathlon era una via d'uscita da quella sofferenza pura e genuina, YUM!

Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

Devo dire due:

Campionati del mondo di Triathlon Sprint 16-19M 2015 - Chicago. Avrà sempre un posto speciale nel mio cuore come mio primo internazionale nel triathlon. Ho commesso un sacco di errori e ho imparato molto da questa gara, ma sono stato estremamente soddisfatto di essere tra i primi 10 alla mia prima uscita, e questo ha cementato il mio amore per questo sport

2018 Oulton Park Duathlon ITU Duathlon Qualifier - non c'è nessuna buona ragione per cui questa gara sia lassù se non la considero la più vicina a cui sono arrivato per eseguire una gara perfetta dal punto di vista delle prestazioni personali. E questo nonostante sia arrivato secondo! Ma guardo indietro con affetto perché è stata una delle poche gare che posso dire che non avrei potuto andare un secondo più veloce in giornata se ci avessi provato.

Qual è il tuo risultato più orgoglioso?

Sono orgoglioso della mia attuale serie di 5 podi internazionali consecutivi, ma se dovessi sceglierne uno sarebbe finire il britannico più veloce in assoluto agli European Sprint Triathlon Championships a Kazan 2019. È stato un giorno davvero speciale.

Hai mai avuto disastri da corsa?

Non lo siamo tutti. Sono caduto due volte ai Campionati Europei di Triathlon 2017 in Germania e sono finito in ospedale con uno shock anafilattico. Questo è quanto di più brutto diventa. DNF.

Come si superano le battute d'arresto?

Penso che la mia più grande delusione nello sport sia stata quella di non arrivare ai Campionati Europei di Pentathlon moderno. Sono arrivato 5 ° nella National Youth Selection Series e normalmente ne prendevano 5, ma quell'anno avevano un taglio di budget quindi ne hanno presi 4.

Superare le battute d'arresto penso che ci vogliano alcune cose. La visione di decidere un percorso realistico per superare la battuta d'arresto per raggiungere il tuo obiettivo. La persistenza di capire che superare una battuta d'arresto può richiedere molto tempo, ed essere in esso per la lunga sala. E la spinta a concentrarsi su un obiettivo specifico ristretto, e a persirlo ad esclusione di altre cose. Per me la visione era quella di vincere medaglie ai campionati europei di Triathlon. La perseveranza nel sapere che mi ci sarebbe vuole un po' per arrivare al livello del triathlon in cui mi trovavo nel pentathlon moderno. E la spinta per farlo, per concentrarsi solo sullo stretto obiettivo del triathlon sprint, non distrarsi dal cercare di allenarsi per altri sport o distanze allo stesso tempo.

Che consiglio desideri che ti sia stato dato quando hai iniziato?

Sarò onesto, sono abbastanza contento di non aver avuto troppi consigli quando ho iniziato. Per poter passare dal Pentathlon moderno al Triathlon, ho dovuto prima innamorarmi di questo sport. Alcune persone iniziano il triathlon e cercano immediatamente consigli su come strutturare la loro formazione, e per alcune persone va bene. Ma ho davvero beneficiato di un anno di fare le mie cose e amarlo. Quell'anno mi sono allenato duramente, ma non mi sono allenato in modo intelligente. Andava bene però, perché fare cose pazzesche mi ha fatto amare il mio sport e ho iniziato a dare consigli quando ero pronto. Ama prima il tuo sport!

Quali sono i tuoi obiettivi?

È stato un anno strano il 2020. Con covid-19 che rende difficile il nuoto, il mio piano per il prossimo anno è quello di concentrarmi sul Duathlon e salire allo standard e allo sprint. Il mio grande obiettivo è vincere una medaglia ai Mondiali di Almere 2021. Vorrei anche provare a prendere uno dei titoli duathlon inglesi o britannici nella mia fascia d'età l'anno prossimo. Vedremo.

Chi ti ispira?

Il mio idolo è Liam Lloyd, perché è un ragazzo eccezionale, un grande atleta ed è super incoraggiante per gli altri atleti. Ho avuto il privilegio di gareggiare contro di lui ai Campionati britannici di triathlon 2019 e mi sono ritrovato in una fuga di 3 uomini con lui sulla moto che è stata un'esperienza che mi è rimasta con me.

Perché lavorare con Sundried?

Indosso il kit Sundried da un po 'di tempo e lo adoro, quindi ho pensato che fosse giunto il momento di iniziare a renderlo più ufficiale! Il mio kit preferito è l'aero trisuit. È ottimo in particolare per il duathlon e in inverno, in quanto è più aerodinamico del trisuit GB di emissione standard e anche più caldo. Sundried sta rapidamente diventando il kit non ufficiale del Triathlon britannico, quindi molti atleti lo stanno usando.

x
x