Sophie Kirk Triatleta in bicicletta

Sophie Kirk è una triatleta del gruppo GB Age Group che si è appassionata a questo sport all'università. Ha l'abitudine di cadere sulla bici durante la transizione, ma questo non le impedisce di essere una fantastica triatleta! Parla con Sundried della vita come atleta d'élite.

Sei sempre stato nello sport?

Finché posso ricordare, sì. All'età di 12 anni nuotavo in modo competitivo 6 o 7 volte a settimana prima di iniziare a correre e ad orientarmi alla scuola superiore. Ho fatto orienteer per alcuni anni nella squadra juniores della GB, poi sono tornato a nuotare e ho iniziato a pedalare all'università.

Cosa ti ha fatto decidere di partecipare al triathlon?

I club di triathlon e cross country erano strettamente collegati all'università, quindi presto è sembrata una buona idea tornare in piscina! Dopo uno stage estivo in cui ho guadagnato abbastanza soldi per la mia prima bici, sono entrato nel mio primo triathlon - BUCS Sprint - nel 2014. Anche se non ho fatto un altro triathlon per altri 2 anni a causa di un incidente su una bici e di un gomito rotto!

Qual è stata la tua migliore gara fino ad oggi?

La mia migliore gara deve essere vincere una medaglia d'argento ai Campionati mondiali di duathlon ad Aviles, in Spagna o il 5 ° posto ai Campionati mondiali standard di Cozumel lo scorso anno

E il tuo risultato più orgoglioso?

L'anno scorso è stata la mia prima "stagione" di triathlon. Completare la mia prima distanza standard e ottenere la selezione per i Campionati del Mondo a Cozumel deve essere il mio momento più orgoglioso per pura sorpresa e gioia di raggiungere il mio obiettivo per il 2016 così presto nella stagione e di fronte ai miei genitori che ora mi supportano nel mio nuovo sport!

Hai mai avuto disastri nelle corse / la tua gara più dura?

Al momento ho l'abitudine di cadere dalla bici durante le transizioni, questa settimana è stato un momento completo al manubrio in arrivo in T2. Non è un bell'aspetto, ma penso di essere scappato dal dolore e di essere comunque arrivato 2 °!

Come si superano le battute d'arresto?

Torna al piano! Vivo per il mio programma di allenamento e, se ho dei dubbi, mi limito a guardare indietro ai mesi precedenti di allenamento e duro lavoro per convincermi che prendermi un giorno di riposo in più perché mi sento stanco va bene!

Qual è il miglior consiglio che vorresti che qualcuno ti avesse detto prima di iniziare a gareggiare?

Non dimenticare mai il motivo per cui hai iniziato il triathlon. Partecipa sempre alle gare per divertimento! Non ha senso alzarsi alle 6 del mattino se non ti godrai la gara alla fine.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2017?

Sto entrando nel mio primo mezzo Ironman quest'anno. Ho un obiettivo di tempo per l'Ironman 70.3 Vichy e un'ambizione subdola per la selezione per i Campionati del Mondo IM 70.3 in futuro.

Da chi prendi ispirazione?

Gran parte della mia ispirazione viene dal mio allenatore Imogen Simmonds. Ha appena ottenuto la licenza professionale e sembra sempre dire la cosa giusta al momento giusto. È anche difficile non lasciarsi ispirare da qualcuno che si allena in modo così religioso ... anche se è su una spiaggia a Phuket!

Cosa ti piace di Sundried e qual è il tuo pezzo preferito del nostro kit?

Adoro il fatto che Sundried non sia solo un kit di qualità, ma anche che lavori duramente per mantenere un'attività equa e responsabile lungo tutta la catena di fornitura. È anche accessibile alla maggior parte degli atleti. Adoro la canotta Tour Noir, perfetta per stare al fresco in estate.

Sophie Kirk Triathlete Team GB Vincitore

x
x