• Triathlete Christmas Gift Guide

    cosa comprare un triatleta per Natale

    Può essere estremamente travolgente quando si cerca di fare bottega per qualcuno che ama tre sport. Che siano nuovi a triathlon o siano un Ironman stagionato, sono positivo che ameranno scoprire uno dei miei suggerimenti regalo.

    Per l'amante del caffè

    Perché non aiutare il tuo destinatario a ottenere il loro importante colpo di caffè pre - allenamento, in via, conPatto Coffee's AeroPress coffee maker.

    Per il vincitore

    Questotitolare di una medaglia personalizzatada è il regalo perfetto per chi ha le corse che vogliono fare la vetrina.

    Per il chafer

    Crema di camoscio di Veloskinaiuterà a tenere gli individui a cavalcare con un sorriso.

    Per il nuotatore selvatico

    Il design a maniche lunghe di Dryrobeè il regalo perfetto per chi è abbastanza coraggioso da prendere un tuffo invernale nell'acqua aperta.

    Per il forte e orgoglioso

    Cicologiaavere una gamma di cyclette tecniche per quei corridori che amano fare una dichiarazione di moda.

    Per i battiti

    Cuffie a conduzione ossea senza fili di aftershokzsono il regalo perfetto per chi gode di formazione alla musica.

    Per il geek dei dati

    Il Garmin forerunner 745 GPS Watchcopre ogni sport e statistica un triatleta dovrà allenare e gareggiare con successo.

    Per il personal trainer

    Molti atleti optano per il ciclismo indoor durante l'inverno e unZwiftl'appartenenza è sicura di mantenerla divertente.

    Per il pianificatore

     Picchi di formazioneoffre agli atleti la possibilità di programmare e tenere traccia della formazione, perfetta per chiunque che ama l'organizzazione.

    Per il chaser del segmento

    AStraval'adesione accende un tocco di concorrenza all'interno della formazione di chiunque.

    Per quel tocco personale

    ACuffie biciclette personalizzate Kapzè il modo ultimo per sottrarre personalizzare una bici.

    Per il tester

    IlSkinsuit sundried velo aerogarantirà che gli appassionati di processo temporale siano aerodinamici, confortanti e, soprattutto, guardando la parte.

    E ricordate, se peggio arriva al peggio, una moto nuova è un grande regalo come n + 1 è sempre applicabile!

    Informazioni sull'autore: Laura Smith è un'atleta che dal 2017 è ambasciatrice Sundried.

    Posted by Guest Account
  • Vera Almeida Athlete Ambasciatore

    corridore fitness

    Vera e'un atleta appassionato che ha sempre un sorriso sul viso.Parla con Sunsecched di allenamento e corse.

    Ti piace sempre lo sport?

    Non mi sono mai piaciuti gli sport.Infatti, quando ero giovane, mi sono scusato per saltare le lezioni di sport.Ma dopo aver diventato madre, avevo bisogno di perdere il peso che avevo guadagnato durante la gravidanza ed e'allora che ho iniziato a correre.

    Come sei arrivato al triathlon?

    Dopo molti anni di corridore con diverse ferite, ho iniziato a nuotare qualche anno fa.Non mi aspettavo di piacermi così tanto, ma ho trovato mi piaceva nuotare in acqua aperta.

    Manca solo il passo successivo.L'anno scorso, sono stato sfidato da un amico a comprare una bicicletta e provare a triathlon.All'inizio non è stato facile, perché avevo paura di cadere.Ma a poco a poco, queste paure scomparvero e cedono il passo all'incredibile sensazione che è il ciclismo.

    Ho provato  un triathlon olimpico a distanza e sono stato davvero felice durante la competizione.Quattro mesi dopo, mi avventurai in mezzo alla distanza e l'intero viaggio per arrivarci era assolutamente incredibile.

    Qual è stata la tua gara preferita finora e perché?

    La maratona di Rotterdam, con il suo incredibile inno "Non camminerai mai da sola".L'atmosfera è indescrivibile, la folla è meravigliosa e l'arrivo dell'ultimo partecipante è celebrato con tanto o più affetto rispetto al primo.La mia performance in quella gara non è stata la migliore, ma terrò sempre questo evento con grande tenerezza nel cuore.

    Qual è il tuo risultato più orgoglioso?

    È difficile scegliere una sola, perché quasi tutti hanno un significato speciale o una storia che supera dietro di loro.Ma se devo scegliere, sceglierei la mia prima maratona o il mio primo triathlon.Ho preso parte senza pressioni, apprezzato l'intero percorso, sentito il sostegno del pubblico, e alla fine quella sensazione di superare qualcosa che non avevo mai provato prima era inestimabile!

    Hai mai avuto dei disastri da corsa?

    Mi sono gia'ammalata e vomitata, ma il peggio e' stato finire una maratona con un terribile dolore al piede, che piu'tardi ho scoperto essere una frattura da stress.

    Come si superano gli ostacoli?

    Non è sempre facile.Scelgo di fare una formazione alternativa che non danneggia il danno.Ma soprattutto, mi piace pensare che ogni giorno che passa è un giorno più vicino a un ritorno più forte.

    Quale consiglio vorresti essere stato dato quando hai iniziato?

    Segui il tuo ritmo e non paragonarti agli altri.Ascoltate e rispettate il vostro corpo, che include riposo e mangiare bene.Non aspettare che il risultato finale festeggi: sii orgoglioso dei piccoli successi che stai facendo lungo la strada!

    Quali sono i tuoi obiettivi?

    Poiché non sono un atleta veloce, i miei obiettivi personali sono di poter continuare a fare sport e superare me stesso.Di solito dico che nella competizione voglio solo due cose: divertirmi e attraversare il traguardo con un sorriso.

    Chi ti ispira?

    Con tutto il rispetto per gli atleti d'elite, sono più ispirato da persone normali che si sono dimostrate il meglio che possono essere.La persona che non ha mai praticato lo sport, la persona che ha fumato tutta la sua vita e non è mai sceso dal divano e un giorno riesce a fare il primo 4 o 5 km, le persone che erano nella maratona di Boston durante l'attacco e che è tornato più forte senza paura come atleti amputati.È questi individui superare le avversità che scioglie il mio cuore.

    Perché lavorare con Sundry?

    Amo il fatto che questo marchio sia stato creato da atleti. la preoccupazione e la responsabilità di Sundry di presentare prodotti sostenibili ed ecocompatibili senza compromettere la qualità sono valori che mi riconosco.

    Posted by Alexandra Parren
  • Anna Gibbons atleta ambasciatore

    ciclismo ciclista fitness all'aperto

    Anna è un'atleta multi sport che gareggia nel pentathlon moderno e nel triathlon. Parla con Sundried della sua variegata carriera nello sport.

    Sei sempre stato nello sport?

    Ho nuotato in modo competitivo da quando ricordo, ma all'università volevo provare qualcosa di nuovo, quindi ho preso il pentathlon moderno. Essendo passato da uno sport a cinque, è cresciuta anche la quantità di allenamento che ho fatto! Prima che me ne rendessi conto, mi allenavo 12 volte a settimana e mi piaceva.

    Come sei entrato per la prima volta nel triathlon?

    Quando mi sono laureato, ho deciso che era ora di scegliere un nuovo sport multidisciplinare. Vivevo a pochi secondi da un parco, ospitando non solo un lido ma anche il club di triathlon locale, quindi ho deciso di provare il triathlon. Con un background di nuoto ed esperienza di corsa con pentathlon, il ciclismo era la nuova sfida. 'Prendendo in prestito' una vecchia bici, mi sono subito beccato il bug e in poco tempo sono stato anche pendolare in bicicletta con i tacchetti per una maggiore velocità!

    Qual è stata la tua gara preferita fino ad oggi e perché?

    Di recente ho gareggiato al triathlon di Blenheim, che deve essere una delle mie gare preferite di tutti i tempi. Il tempo era glorioso, lo sfondo stupendo ed è stato fantastico tornare a gareggiare dopo mesi di allenamento da solista in isolamento. Avendo percorso molti chilometri con la bici, è stato così bello girare intorno al percorso (relativamente) piatto.

    Qual è il tuo risultato più orgoglioso?

    Capitanare la squadra universitaria di pentathlon e guidarla verso prestazioni incredibili. Uno dei miei momenti salienti personali è stato gareggiare nelle classifiche nazionali e vincere la fase di equitazione - uno shock particolare dato che di solito finivo per essere eliminato nella corsa!

    Hai mai avuto disastri da corsa?

    Nel mio primo triathlon, sono arrivato senza cintura da corsa: questo è abbastanza fondamentale nel triathlon perché ti consente di capovolgere il numero di gara dalla parte anteriore a quella posteriore tra la bici e la corsa. Essendo riuscito a localizzare un ultimo minuto, mi sono poi dimenticato di inserirlo nella mia prima transizione. Finendo in un batter d'occhio, sono stato fermato dai funzionari proprio mentre uscivo dalla transizione. Per fortuna, sono riuscito a farlo in modo relativamente veloce, avendo perso solo pochi secondi e non il mio posto nella competizione!

    Come si superano le battute d'arresto?

    Lasciandomi alle spalle la battuta d'arresto e spostando l'attenzione su qualcosa di leggermente diverso. Questa è la gioia degli sport multidisciplinari; se uno non sta andando per la tua strada, concentrati solo sui punti di forza degli altri. A volte un piccolo spostamento della messa a fuoco è il ripristino di cui hai bisogno.

    Che consiglio vorresti che ti fosse stato dato quando hai iniziato?

    Per godersi le competizioni! Ero terrorizzato dal pensiero di altre persone che giudicavano le mie capacità e prestazioni sportive. Nel tempo, tuttavia, ho imparato a divertirmi durante il processo di competizione, allontanandomi dall'evento e concentrandomi su cosa e come reindirizzare i miei sforzi di formazione per il prossimo evento.

    Quali sono i tuoi obiettivi?

    Finora ho fatto solo triathlon su distanze più brevi, a breve termine mi piacerebbe fare un mezzo Ironman e nel lungo termine un Ironman completo. Cerco di non essere troppo ossessionato dai numeri quindi non ho in mente un obiettivo preciso di tempo, a patto di tagliare il traguardo adeguatamente esausto!

    Chi ti ispira?

    Kate French - Campionessa del mondo Modern Pentathlon 2018. La sua compostezza e determinazione durante la competizione sono qualcosa che ammiro davvero. Vicky Holland è un'altra fonte d'ispirazione, sempre per l'atteggiamento che assume nelle competizioni. Nonostante sia stata la prima triatleta britannica a vincere una medaglia olimpica, quando ha tagliato il traguardo non ha festeggiato ma si è scusata con la sua compagna di squadra, Non Stanford, per averla messa fuori dalla medaglia. È uno di quei momenti sportivi iconici che mostra la profondità del cameratismo nello sport.

    Più vicino a casa, il mio amico Darren Hardy, che è sempre alla ricerca della prossima avventura sportiva. Il suo prossimo piano attuale è di 10 triathlon Ironman in 10 giorni, ho intenzione di unirmi per (parte!) Il divertimento. Il suo apparentemente infinito ottimismo e il suo atteggiamento 'può fare' è sorprendente e qualcosa che cerco sicuramente di fare eco.

    Perché lavorare con Sundried?

    Ho scoperto Sundried per la prima volta tramite uno dei triatleti. Ho provato la loro maglia da ciclismo e ho capito che avevo bisogno dei pantaloncini per completare il look! I pantaloncini erano così comodi e rendevano quelle lunghe cavalcate un po 'meno doloranti. L'etica di Sundried della moda sostenibile è quella che mi ha davvero colpito, così come la loro enfasi sul benessere del personale, quindi ho voluto mostrare il mio sostegno a questi valori sostenendo il marchio.

    Posted by Alexandra Parren
  • L'atleta sostenibile: come allenarsi in modo sostenibile

    allenamento sostenibilità etico eco friendly

    La prossima volta che pianifichi il tuo regime di allenamento, perché non provare ad aggiornarlo a uno più sostenibile? Lavorando in modo più sostenibile, farai un passo significativo verso la protezione del nostro pianeta. Ecco alcuni semplici modi per rendere il tuo allenamento un po 'più verde.

    Inizia lo yoga

    Lo yoga ti insegna a connetterti con l'ambiente e ad ottenerne un apprezzamento più profondo, il che potrebbe tradursi nella comprensione del motivo per cui la sostenibilità è così fondamentale per preservare il nostro pianeta. Questo tipo di esercizio richiede pochissime attrezzature e nessuna elettricità, il che lo rende un ottimo mezzo di esercizio sostenibile.

    Allenamenti a casa

    Non è necessario andare in palestra per un ottimo allenamento. Ci sono molti modi in cui puoi mantenerti in forma a casa, richiede solo la forza di volontà per farlo. Investendo in alcuni pesi e attrezzature che non utilizzano l'elettricità, sarai in grado di evitare i centri fitness e mantenere un impatto ambientale molto ridotto.

    Usa le gambe

    Tutto ciò che fai su un tapis roulant o su una bici statica, puoi farlo all'aperto senza sprecare elettricità. Scegliendo di andare in bicicletta, correre e camminare all'aperto, puoi anche goderti i bellissimi siti intorno a te piuttosto che fissare il muro di una palestra.

    Scegli il mare aperto

    Perché non scambiare la piscina con il mare, un lago o un fiume? Le piscine richiedono abbondanti quantità di energia per riscaldare, trattare e mantenere pulite, il che significa che hanno un'impronta di carbonio estremamente elevata. Una sorgente in acque libere è un modo molto più sostenibile per raggiungere i tuoi chilometri di nuoto ed è molto più interessante del semplice nuoto lunghezza dopo lunghezza.

    Sii selettivo con la tua attrezzatura da palestra

    Se la palestra è il tuo posto preferito per allenarti, perché non scegliere di utilizzare l'attrezzatura che non spreca molta elettricità? Optare per pesi liberi piuttosto che macchine per mantenere il tuo impatto ambientale al minimo. Un'altra opzione è cercare una palestra che valorizzi la sostenibilità e investa in attrezzature eco-compatibili, come le biciclette che generano elettricità piuttosto che utilizzarla.

    Incorporare la formazione nel tuo tragitto giornaliero

    Invece di guidare al lavoro e poi andare a una lezione di spinning serale per la tua dose giornaliera di esercizio, usa la bici per andare al lavoro. Ti allenerai e allo stesso tempo salverai il pianeta ... vincitore!

    Sostieni le organizzazioni verdi

    Prova a iscriverti a eventi e gare gestiti da organizzazioni che si impegnano per la sostenibilità e fanno la differenza per le comunità locali.

    Non è difficile incorporare un po 'di sostenibilità nelle tue routine di esercizio. Ci vuole solo un po 'di riflessione e alcuni semplici cambiamenti che possono fare davvero la differenza.

    Posted by Guest Account
  • Cosa succede ai tuoi vecchi vestiti quando li butti fuori?

    cosa succede ai vecchi vestiti riciclando i rifiuti inquinanti

    Sundried ha recentemente condotto un sondaggio chiedendo al pubblico dove, secondo loro, finiscono i loro vecchi vestiti quando li buttano via. È qualcosa a cui hai mai pensato? Il 25% degli intervistati ha ammesso di non averci mai pensato. Ecco cosa succede veramente ai tuoi vecchi vestiti quando li butti via.

    Cosa succede veramente ai vestiti donati?

    Secondo la BBC, solo nel Regno Unito buttiamo via oltre un milione di tonnellate di vestiti ogni anno. È un sacco di spreco! Potremmo non pensare ai vestiti come rifiuti, ma finiscono in discarica proprio come tutti gli altri rifiuti che buttiamo e restano lì per centinaia di anni, contribuendo al crisi globale dell'inquinamento. Comprensibilmente, molte persone decidono di donare i loro vestiti a negozi di beneficenza o banche di vestiti per prevenire questo spreco e nella speranza che i loro vecchi vestiti possano potenzialmente aiutare i meno fortunati. Ma cosa succede veramente ai vestiti donati?

    L'ente di beneficenza britannico WRAP (Waste & Resources Action Program) stima che oltre il 70% degli indumenti donati in tutto il mondo vengono esportati all'estero in un costoso e inquinante commercio di indumenti di seconda mano. Secondo i dati diffusi dall'ONU, la Gran Bretagna è il secondo esportatore di abbigliamento di seconda mano, dopo gli USA. Il Regno Unito esporta oltre 351.000 tonnellate di vestiti vecchi - con un valore di esportazione di 380 milioni di sterline - in paesi come Polonia, Pakistan e Ghana.

    Ciò che una volta era iniziato come donazioni, finisce come merce commerciabile. 

    riciclaggio di indumenti rispettosi dell'ambiente

    I vestiti vengono riciclati?

    Il riciclaggio di tessuti e indumenti è in forte aumento con l'aumentare dell'interesse globale per la coscienza ambientale. I vestiti buttati fuori dalle persone comuni diventano ciò che è noto come "post-consumo" e questi tessuti post-consumo possono avere un enorme valore per coloro che sanno cosa farne.

    Quando butti via i tuoi vestiti per essere riciclati, saranno riutilizzabili o non riutilizzabili, a seconda delle condizioni in cui si trovano. Se sono ancora indossabili, potrebbero essere venduti a paesi del terzo mondo come descritto sopra. Se è in cattive condizioni - strappato, macchiato o danneggiato in altro modo - verrà suddiviso in stracci, scarti e materiale fibroso che può essere riciclato, a volte in nuovi indumenti.

    Gli indumenti inviati per essere riciclati vengono raccolti dai contenitori per le donazioni o dai negozi e vengono lavorati presso strutture dedicate. In questi impianti di lavorazione, gli indumenti riciclati vengono sminuzzati, trattati e poi riutilizzati. Il materiale può essere utilizzato per materiali di smorzamento acustico, imbottitura di moquette, isolamento o trasformato in stracci per l'industria automobilistica.

    Poiché il processo di riciclaggio allunga e indebolisce le fibre, solo una piccola percentuale di poliestere post-consumo può essere utilizzata per realizzare nuovi indumenti. Il rapporto di sostenibilità di H&M per il 2016 ha mostrato che solo lo 0,7% dei loro tessuti è stato creato con materiali riciclati.

    I vecchi vestiti vengono lavorati e trasformati in imbottitura, isolamento e stracci. Solo una piccola percentuale viene trasformata in nuovi vestiti.

    ambiente di riciclaggio

    Come puoi essere più rispettoso dell'ambiente?

    Uno dei modi migliori per essere rispettosi dell'ambiente è non comprare troppi vestiti nuovi ogni anno e indossare ciò che si possiede il più possibile prima di buttarlo via. Evita di acquistare vestiti molto economici in quanto è più probabile che siano prodotti in serie e di scarsa qualità, quindi durino meno tempo e vengano buttati via più facilmente. Se spendi un po 'di più per abiti di qualità, è più probabile che ti prenda cura di esso e desideri che ne venga indossato il maggior numero possibile.

    A Sundried, tutto il nostro abbigliamento sportivo è realizzato pensando alla longevità in modo che possa durare il più a lungo possibile. I nostri vestiti manterranno il loro colore e la loro forma lavaggio dopo lavaggio, indossati dopo usura, in modo da poterli conservare per anni.

    Sundried ha anche una gamma di magliette biodegradabili che si biodegrada in 3 brevi anni se esposto all'ambiente anaerobico della discarica. Ciò significa che una volta che hai buttato via la tua maglietta, puoi essere sicuro che non inquinerà il pianeta per centinaia di anni.

    Magliette da fitness biodegradabili magliette activewear essiccate

    Questi top fitness di Sundried sono biodegradabili

    Un altro modo per essere più rispettosi dell'ambiente è acquistare vestiti realizzati con materie prime riciclate come bottiglie di plastica o fondi di caffè. In Sundried, offriamo due collezioni realizzate con materiali riciclati che aiutano a ridurre i rifiuti e ripulire il pianeta. Nostro Eco Core gamma è composta da Bottiglie di plastica riciclate al 100% e l'innovativo tessuto si asciuga 200 volte più velocemente del cotone, il che significa che chi lo indossa può rimanere asciutto e comodo anche durante un allenamento sudato. Il tessuto è anche super morbido e delicato sulla pelle, rendendolo perfetto per l'abbigliamento sportivo.

    Carica ecologica di Sundried gamma è composta da Fondi di caffè riciclati al 100% e presenta incredibili qualità di prestazioni sportive come anti-odore e protezione dai raggi UV.

    Quindi la prossima volta che stai pensando di acquistare un nuovo abbigliamento sportivo, perché non andare per le scelte eco-compatibili e vedere come può avvantaggiarti?

    Posted by Alexandra Parren
x
x