• Rapporto sulla maratona di Londra

    Rapporto sulla maratona di Londra

    Nonostante soffrisse di un infortunio cronico al ginocchio e dovette sottoporsi a fisioterapia e iniezioni di cortisone prima della partenza, Elizabeth D'Andrea riuscì comunque a correre una fantastica gara a Londra e finire la sua prima maratona. Ecco come è andata.

    L'ho fatto. Sono un maratoneta.

    Il sabato prima della gara, ho portato il DLR a Greenwich per calcolare quanto tempo mi ci sarebbe voluto per arrivare alla linea di partenza. È stata una giornata gloriosa, quindi io e mio marito abbiamo preso un pranzo lungo la strada e ci siamo seduti su una panchina sul sentiero che sapevo che meno di 24 ore dopo sarei arrivato alla linea di partenza della mia prima maratona in assoluto. Mentre facevo una passeggiata intorno alla zona di partenza, ho visto un recinto con un cartello che diceva "orinatoi femminili" e la curiosità ha avuto la meglio su di me, quindi sono andato a dare un'occhiata. Sono uscito a bocca aperta! Qualcuno li usa davvero ?!

    Il resto del sabato trascorse confuso; una rapida passeggiata intorno al Cutty Sark, poi un grande piatto di pasta, sistemato il mio kit da corsa, appuntato il mio numero, attaccato il mio chip di sincronizzazione alla mia scarpa e ottenuto una prima notte.

    La mia sveglia era impostata per le 6:15 e mi sono svegliata alle 6:05. Ho forzato giù un po 'di Weetabix e una banana, ma mi sentivo completamente male, era il pasto più difficile che abbia mai mangiato. Mi faceva male l'inguine, quindi ho fatto un po 'di foam roll dell'ultimo minuto e ho cercato di mantenere la calma. A questo punto, tutto quello che continuavo a pensare era che nelle ultime 2 settimane, tutto quello che ero riuscito era una camminata / corsa di 2 miglia e una corsa molto lenta e dolorosa di 3 miglia - e sto per andare sulla linea di partenza di una maratona ! Una parte di me stava diventando molto eccitata: sapevo di aver dedicato tutto il duro lavoro all'allenamento negli ultimi 9 mesi, quindi fintanto che non fosse così doloroso da non poter correre affatto sarei stato bene. Un'altra parte di me era pietrificata perché stavo facendo un grosso errore.

    Ho indossato il mio kit e mio marito ha scattato le foto obbligatorie. Siamo usciti - wow che giornata gloriosa! Più foto. Bene, facciamolo. Non c'erano molti altri corridori sul treno all'inizio, mi sentivo abbastanza orgoglioso nel mio kit con la mia borsa rossa. Ad ogni fermata del DLR salivano sempre più corridori vestiti di lycra e portaborse rosse. Ci sono state molte chiacchiere nervose, ma mi sono seduto in tranquilla contemplazione sorseggiando la mia acqua.

    Siamo andati alla linea di partenza e appena prima di salutarci - disastro - ho girato la caviglia sul marciapiede! Che idiota! Ci sono stati rantoli da tutte le persone intorno a me e sono scoppiata a piangere, ma fortunatamente nessun danno! Phew. Deve prestare più attenzione da qui in poi!

    Ho salutato mio marito; era stato al mio fianco per tutta la mia preparazione, ma da qui in poi devo andare da solo.

    Lasciai la borsa e mi diressi direttamente alla coda del bagno. Sono entrato nella mia penna di partenza abbastanza vicino ai 4:30 pacer, il mio tempo target iniziale, ma sapevo che non sarei più stato in grado di mantenere questo ritmo.

    La pistola si è spenta e abbiamo iniziato lentamente ad avanzare. La mia coscia faceva davvero male e stavo cercando di allungarla il più possibile. Andando avanti, ci vollero 20 minuti prima che la linea di partenza fosse in vista. Oh dio, eccoci qui. Ho iniziato il mio orologio da corsa e basta: stavo correndo una maratona.

    L'ho preso molto lentamente, mirando a non andare più veloce di 11 miglia al minuto. Stavo andando avanti, non soffrivo! Il supporto fin dall'inizio è stato incredibile. Dopo soli 5 minuti improvvisamente mi resi conto che ora avrei dovuto proseguire per 42,2 miglia complete.

    Maratona di Londra Tower Bridge

    Le prime miglia passarono in un attimo; Sono stato superato da persone di tutte le forme e dimensioni e un sacco di costumi in maschera, ma non mi importava. Ero solo io contro il tempo e sapevo che il mio piano di gioco era quello di andare piano e costante.

    Ho concluso i miei primi 5 km in 34:04, non il più veloce, ma in linea con il mio nuovo tempo prefissato. Ha iniziato a fare caldo. Molto caldo! Continua ad andare avanti, immergiti nell'atmosfera. 10 km - 33:21 - Avevo accelerato! Sapevo di avere alcuni amici che aspettavano dal Cutty Sark, quindi questo mi ha dato una spinta - anche se la folla era così immensa che non li ho visti, speravo che mi avessero visto; in seguito mi hanno detto che non mi vedevano neanche.

    Andare avanti. Ho sentito un colpetto sulla schiena. Un ragazzo in costume da fata mi ha chiesto se non mi dispiacerebbe mantenere una linea retta - scusa amico, pensavo di esserlo! Poi ho sentito un sacco di campane tintinnanti - che diavolo è quello? Oh - un Morris Dancer! È scappato davanti a me.

    Sapevo che mio marito e mia madre, mio ​​padre, mia zia e mio zio erano da qualche parte intorno al miglio 9. Ho visto l'Hollywood Bowl entrare in scena - correvo in questa sezione ad ogni lunga corsa di allenamento, quindi lo sapevo bene. C'era la mia famiglia - proprio accanto a Pizza Hut! "SONO TROPPO CALDO! È COSÌ CALDO!" Ho urlato. Sembravano così orgogliosi. A questo punto sono rimasto sorpreso da quante persone stavano già camminando, ma mi sentivo ancora forte. Sapevo esattamente quanto ci fosse più lontano dal Tower Bridge. Sono stato preso da un cammello e da un pastore. Come è successo, ci saremmo sorpassati a vicenda circa 5 volte in totale - l'ultima volta che li ho visti stavano attraversando il sottopasso dei Blackfriars - non sono ancora sicuro di chi sia arrivato per primo al traguardo!

    15km: 33:49 - ancora al passo! Ero qualche minuto avanti rispetto ai 4:50 pacers. Hoorah! Oh, ecco di nuovo quella Morris Dancer! "Ti ho raggiunto!" Ho gridato "Mi ci sono voluti solo 4 miglia". Ha riso.

    Percorrendo Jamaica Road, wow, la folla era davvero immensa. Molti "vai Lizzy" vengono gridati. " Sto andando!" Ho gridato di rimando. Ho girato l'angolo ed è apparso il Tower Bridge. Ho salutato il balcone dell'International House dove si trovavano i colleghi di mio marito. Ho spento il ponte e ho visto le élite andare nella direzione opposta verso il traguardo - wow sembravano davvero soffrire! Alcune persone zoppicano, ma devono essere state sul bersaglio per un traguardo di meno di 3 ore!

    Il mio cerotto ho pensato, a due passi dal mio appartamento! Eppure stavo davvero iniziando a lottare. Faceva così caldo. Le mie braccia stavano diventando rosa per le scottature solari. Sapevo che anche gli amici che mi mancavano al Cutty Sark sarebbero stati qui, ma purtroppo non li ho visti più! 20km: 33:51 - beh, sto ancora andando! A metà percorso: 2:22:38.

    Correndo da Limehouse a Westferry ho improvvisamente recuperato un po 'di energia - molte persone che camminavano - ma stavo ancora andando. DAI! Ho fatto un paio di pompe a pugni. Svoltare a destra a Westferry, attraverso il sottopasso. All'improvviso sentirsi davvero caldo e davvero stanco. Mi serve un po 'di lucozade - dov'è la prossima stazione? Ho versato molta acqua sulla testa e sul viso .... acqua preziosa aaaaah. Errore: cosa berrò adesso ?!

    Il miglio 16 è stata una vera battaglia. Non volevo davvero camminare e non l'ho fatto. Sapevo che la mia famiglia sarebbe stata al 17 ° miglio e non avrei permesso loro di vedermi camminare! C'erano! E per pura coincidenza, il gruppo di amici che avevo perso al Cutty Sark e al miglio 13! "HO MOLTO CALDO!" Ho gridato di nuovo: "Dov'è la prossima stazione dell'acqua?" Mio marito è corso lungo il lato della strada con me dietro gli spettatori per un bel mezzo miglio fino al prossimo punto d'acqua, incoraggiandomi, se non fosse stato per quello penso che mi sarei fermato. A questo punto improvvisamente mi sono reso conto che forse ero fuori dalla mia profondità.

    Più acqua. Sì, un po 'in discesa. Andiamo!

    Al miglio 18 stavo facendo jogging così lentamente che gli escursionisti mi stavano sorpassando.  Mi è venuto in mente che probabilmente avrei potuto andare più veloce se avessi camminato per il potere.  È stata una vera e propria battaglia mentale per permettermi di iniziare a camminare, mi sentivo come se stavo fallendo. Temevo che se avessi iniziato a camminare non avrei ricominciato a correre. Ma senza nemmeno rendendosi conto ho smesso di fare jogging e ho iniziato a camminare. Ho iniziato a piangere. Mi sentivo come se avessi deluso me stesso e mio marito. Un ragazzo con una maglietta arancione brillante con Clive scritto su di esso che stava anche camminando mi ha messo il braccio sulla spalla e mi ha detto "dai". Poi mi sono reso conto che in realtà questo stava aiutando e che le mie gambe erano ancora in movimento e mi sentivo molto meglio. A questo punto sapevo che avrei potuto arrivare alla fine, anche se avessi camminato per il resto della strada. 25km: 36:38, 30km: 38:48

    5 miglia da percorrere. Stavo marciando il più velocemente possibile e ho visto i pacemaker delle 4:58 passare - ho fatto jogging per recuperare - "quanto tempo ti ci è stato per attraversare la linea di partenza?" Ho chiesto - 16.5 minuti.  Giusto: deve stare al passo con loro.  Ho fatto jogging avanti e poi ho camminato, hanno raggiunto. Questo è successo 5 volte fino a quando finalmente non sono riuscito a tenere il ritmo. "Dai, puoi farlo", hanno detto con una pacca amichevole sulla spalla. Ma a questo punto non ci sono riuscito.

    Le ultime 4 miglia sono andate in una sfocatura di camminare e fare jogging. Quel maledetto cammello di nuovo! Dai, puoi farlo!

    200 metri per andare.  Il mio orologio da corsa ha detto che avevo già corso 26,2 miglia, 4:55 - Farò sub 5 ore dopo tutto! Ho accelerato il più possibile. Ho oltrepassato il limite. Ho visto i due pace maker delle 4:58 e piuttosto ho mostrato loro troppo animatamente il mio orologio, 4:57:19, L'HO FATTO, TI HO BATTUTO! Entrambi sorrisero e mi strinsero la mano. Tornerò, ho detto loro, per raggiungere il tempo che avevo inizialmente deciso di fare.

    Una donna di nome Lisa mi ha dato la mia medaglia. Le ho detto che l'amavo. Sono un maratoneta.

    Oh, e dato che è la mia prima maratona, questo è un PB!

    Posted by Alexandra Parren
  • Prudential RideLondon 2018

    Prudential Ride London 2018

    Domenica 29th luglio 2018 era il giorno dell'annuale Prudential Ride London - Surrey 100 miglio sportiva.L'avevo inserita mesi fa ed ero irremovibile che avrei ancora preso parte anche se avrei dovuto andare in ospedale il giorno seguente per una procedura.

    Un inizio iniziale di 7am significava che dovevo essere a Stratford all'inizio di 6:15am.Fino a questo giorno, il tempo stava bruciando caldo con temperature superiori a 30 gradi Celsius, tuttavia mattina di corsa vide la maggior pioggia che il paese aveva avuto in mesi!

    Pochi minuti prima che iniziasse la mia onda, il cielo si aprì.Ero freddo e infelice prima ancora di cominciare!Per fortuna, una volta iniziato il cameratismo tra i corridori e le grida dei sostenitori molto impegnati mi hanno davvero dato un umore positivo.A dire il vero, ho iniziato a divertirmi e ho spinto un ritmo facile e stabile alla 19/20mph.Ho deciso in anticipo che avrei cercato di non fermarmi a causa del tempo.Sapevo che a livello di carburante stavo bene, ma a livello idrico potrei non esserlo, avrei dovuto vedere come sono andate le cose.

    Andando verso le colline del Surrey, ho iniziato a pedalare con un ragazzo di Leeds che aveva un ritmo simile a me.Questo ha davvero aiutato come abbiamo potuto lavorare insieme per tenere sul retro di pacchetti di altri cavalieri.Prima che me ne accorgessi, eravamo passati attraverso il punto 50-miglia ad una velocità media di 19.5mph.

    Prudential Ride London 2018

    Poi abbiamo iniziato a colpire le colline!Leith Hill era il primo e il più difficile.Ci sono stati alcuni brutti incidenti e, come abbiamo sentito nella stampa, una fatalità a Leith Hill.E'stato facile vedere come e perché gli incidenti accadono: le strade erano bagnate, tortuose, scivolose a causa della mancanza di pioggia e ci erano centinaia di ciclisti - alcuni più esperti e pazienti di altri - tutti cercando di arrivare dal punto A a B nel tempo più veloce.Dicono che non è una gara, ma ogni ciclista là fuori aveva il proprio obiettivo, quindi diventa una corsa contro l'orologio o i propri obiettivi in un certo senso.

    Scendendo giù da Leith Hill ho perso il mio compagno di viaggio mentre ero più a mio agio scendendo a velocità di lui, così ho tenuto su alcuni nuovi piloti mentre ci avvicinavamo Box Hill, l'ultimo delle grandi salite nella campagna del Surrey.

    Anche se mi faceva male le gambe, mi piaceva!Il mio amore per il ciclismo è venuto fuori durante l'inverno quando ho iniziato a pedalare con i ragazzi della Essex Roads CC.Mi spingono davvero oltre tre ore di auto e torno letteralmente a casa e cado in un mucchio di esausti ma i miglioramenti di fitness sono stati enormi da questo giro settimanale!

    Tornando a Londra, la pioggia stava ancora cadendo e le strade stavano iniziando a diventare più affollate mentre ci avvicinavamo al punto di incontro sulla rotta per la fusione del 19, 46, e corsi di 100-miglia.C'erano un sacco di stop/start a questo punto e un sacco di incidenti cattivi in cui le persone erano state ciclabili in bulloni o bordi-lati ecc Il ritmo ha iniziato a essere interrotto un po'a questo punto e le gambe stavano iniziando a sentire pesante!Le ultime miglia sono passate in un daze e prima che me ne accorgessi, riuscivo a vedere l'arco di finitura sul Mall.Ho continuato e ho trovato finito in un periodo di cinque ore 34 minuti, che ha distrutto il mio bersaglio di sei ore!Ero cosi'agitata, ma ora mi sono resa conto di dover tornare all'auto di Stratford... quelle sette miglia mi hanno fatto davvero male!

    Informazioni sull'autore: Louise Douglass. è un Team GB Age Group triathlon e ambasciatore sunessiccato.

    Posted by Guest Account
x
x