Ironman Svizzera Zurigo Running Finish

Il mio primo Ironman.

3,8 km di nuoto, 180 km in bicicletta, 42,4 km di corsa

La costruzione del mio primo Ironman era un misto di emozioni, dai nervi all'eccitazione e una mente costante piena di domande che mi ronzavano in testa. Le ultime settimane di allenamento prima del tapering sono state le più dure e quando i miei figli si sono lasciati per le vacanze estive, la routine è diventata più difficile da gestire. Tuttavia, sono arrivato alla linea di partenza dopo aver accumulato migliaia di miglia in allenamento.

Mio marito ed io siamo arrivati ​​in Svizzera giovedì e già c'era un'atmosfera Ironman. Zurigo era bella ma estremamente calda. Il venerdì, siamo scesi al villaggio dell'evento per registrarci. All'improvviso mi sono sentito in soggezione per l'intera esperienza. La registrazione è stata abbastanza facile e così è stato spendere soldi nel negozio dell'expo. Ho ritirato la mia bici che era stata spedita da Ship My Tri Bike - un'opzione molto conveniente e l'ho presa per un giro di prova pre-gara. Le strade erano fantastiche ma le mie gambe sembravano gelatinose, tuttavia, tutto con il mio Argon funzionava, il che è stato un sollievo. Dopo la corsa, in qualche modo sono riuscito a commettere un grosso errore da principiante presentandomi al Race Brief francese piuttosto che inglese - questo non ha aiutato con il nervosismo pre-gara. Nel tentativo di tenere sotto controllo i miei nervi, ho deciso di fare una nuotata sul Lago di Zurigo. Il lago, sebbene bello, era vasto e molto più agitato di quanto apparisse, molto diverso dal lago di casa.

Il sabato è stata una mattinata abbastanza fredda che girava intorno a Zurigo, cercando di tenersi il più lontano possibile dai piedi. Il pomeriggio è stato speso nel villaggio dell'evento travasando la mia bici e appendendo le mie borse rosse e blu in transizione pronte per il giorno della gara. Gli eventi Ironman hanno un modo molto diverso di fare i lavori con le varie borse. Ciò richiede un'attenta pianificazione e considerazione, ma funziona molto bene durante la giornata. Ho scattato foto in transizione per aiutare a visualizzare le entrate e le uscite, e ho anche preso nota dei punti di riferimento per trovare la mia bici - la transizione è stata enorme con le bici imballate molto strettamente e vicine l'una all'altra. La prossima volta che sarei stato in transizione sarebbe stato il giorno della gara: finalmente è arrivato il momento di affrontare la sfida che aveva consumato così tanto tempo ed emozioni nei mesi precedenti.

Dopo un po 'di sonno e molto sveglio, la sveglia è suonata alle 4 del mattino. C'era un'atmosfera nervosa in albergo durante la colazione. Molti riconoscimenti a vicenda ma pochissima conversazione. Dopo un caffè e un po 'di cibo, abbiamo camminato per i 30 minuti prima della transizione. Non potevo credere di essere arrivato al giorno della gara. Camminare era inquietante e le strade erano un misto di triatleti vestiti di lycra e gli ultimi festaioli della sera prima.

Arrivando alla transizione, ho sentito subito che era stata confermata come non muta. La dimensione della sfida davanti a me è diventata improvvisamente molto reale e ci sono voluti tutti i miei sforzi per controllare le mie emozioni in questo momento. Mio marito ed io siamo andati all'inizio della nuotata dove l'atmosfera era surreale. Una cosa che era molto evidente era il rapporto tra uomini e donne: improvvisamente mi sentivo molto piccolo. Mi sono posizionato verso la parte posteriore del box normale, aggiungendo altri 10 minuti al mio tempo previsto per riflettere la nuotata senza muta. Il mio obiettivo per questo evento era completare (non competere); ed essendo non muta volevo trovare il mio spazio. La gara è iniziata rapidamente in quanto gli atleti sono stati ammessi in acqua 8 alla volta a intervalli di 5 secondi. Sono andato in acqua. Ho interrotto la nuotata nelle boe segnaletiche individuali e presto ho preso un ritmo. Era un percorso di un giro e il rettilineo sembrava non finire mai. Quando ho fatto l'ultima svolta non mi sono mai sentito più sollevato: ero quasi uscito dall'acqua!

Tempo di nuoto di 3,8 km: 01:31:43

Ironman Svizzera Zurigo nuotare nel lago

Quando sono uscito dall'acqua, mi sono imbattuto nel T1, ho indossato la mia roba da bici, ho trovato la mia bici, oh caro la catena era appesa ... Ovviamente era stato bussato perché qualcuno aveva preso la loro bicicletta. Sono riuscito a rimetterlo in funzione e sono andato via. Non vedevo l'ora che arrivasse la moto durante la fase di preparazione. Il percorso era di 2 giri e iniziava in piano prima di affrontare alcune salite in alcuni degli scenari più belli e pittoreschi che abbia mai visto.

Sfortunatamente per me, non riuscivo a sistemarmi nella mia solita zona e sono diventato subito molto a disagio. Stavo lottando per rimanere aerodinamico poiché il mio petto si sentiva ristretto e il mio collo era molto teso. Questo non era secondo i piani. Il supporto sul percorso è stato fantastico, specialmente su Heartbreak Hill, che è stato come pedalare attraverso una sezione del Tour de France. Era anche il luogo in cui mio marito mi dava una spinta tanto necessaria.

Quando sono entrato nel secondo giro, la temperatura si stava alzando (35 gradi); e divenne più una battaglia mentale che fisica. Mi sentivo nauseato e dovevo forzare l'alimentazione per cercare di attenermi al piano. Le due ore successive sono state brutali e dopo 6 ore e 18 minuti sulla bici sono tornato al T2 sentendomi piuttosto orribile.

Tempo di percorrenza 180 km: 06:19:46

bici ciclismo Ironman

Non sono sicuro al 100% di cosa ci sia voluto così tanto, ma dopo 8 minuti in T2 sono partito per la maratona. Fino a poco tempo fa, la corsa è sempre stata la mia disciplina preferita e più forte. Non è stato così il giorno della gara. Ogni volta che correvo mi sentivo male, per niente aiutata dal caldo. Il supporto alle stazioni di soccorso è stato eccellente e sono state attrezzate al 100% per le temperature torride, emettendo ghiaccio e spugne fredde. Nonostante questo, il mio corpo aveva idee diverse e mi ammalavo ogni pochi minuti, rendendo molto difficile stabilirmi in qualsiasi ritmo.

Sapevo che ora sarebbe stato un pomeriggio molto lungo, ma non c'era verso che mi stavo arrendendo: dovevo tornare a una strategia diversa. Camminare in una gara mi era estraneo, ma sapevo che dovevo trovare una strategia per farmi evitare, quindi ho deciso di correre il più a lungo possibile e poi camminare per 3 minuti (mentre vomitavo)!

Alla fine ho fatto il primo dei 4 giri che in modo piuttosto crudele ti porta oltre il tappeto rosso e il traguardo. Vedere questo e l'atmosfera alla fine mi ha dato la motivazione per andare avanti. Mio marito era incredibile in fuga e continuava a sorprendermi apparendo in posti che mi facevano andare avanti.

Alla fine, dopo alcune ore molto lunghe e dolorose, sono arrivato al quarto giro e la fine era in vista .. Via sono partito per il mio ultimo giro di Zurigo ... gli ultimi due km sembravano durare un'eternità ma in lontananza Potevo sentire la musica del traguardo ed essere in grado di raccogliere la mia quarta band è stata una sensazione incredibile. Sono riuscito a correre gli ultimi chilometri e quando sono entrato nella ripresa finale le emozioni sono arrivate a fiumi. Ho visto mio marito tra la folla e ho sentito quelle famose parole - Leanne James - TU SEI UN IRONMAN.

Tempo di percorrenza 42,4 km: 05:26:42

Ce l'ho fatta finendo in 13:32:46. Era molto lontano da dove speravo di finire, ma non mi importava. Sono scoppiato in lacrime quando ho incontrato mio marito mentre gli eventi della giornata si sono susseguiti. Ci siamo poi goduti la festa al traguardo ed è stato estremamente emozionante vedere tutti finire la loro gara ... tutti con le proprie storie ed esperienze.

Un paio di settimane dopo ed è stato fantastico passare del tempo con la famiglia e gli amici con solo un allenamento leggero prima di iniziare il blocco successivo nella preparazione all'IM Weymouth 70.3 e anche ai campionati ETU Duathlon a Ibiza.

Farei un altro Ironman? Assolutamente. Ho imparato tantissimo da questa gara, soprattutto perché sono ancora relativamente nuovo in questo sport, ma per ora mi atterrò ai 70.3.

Related Posts

Quello che mangio in un giorno - Ian Seeney Triatleta
Quello che mangio in un giorno - Ian Seeney Triatleta
Ian Seeney è un pilota aziendale che significa viaggiare molto per lavorare oltre all'allenamento di triathlon e star...
Quello che m...
Sam Hudson Triathlete - Cosa mangio in un giorno (What I Eat In A Day)
Sam Hudson Triathlete - Cosa mangio in un giorno (What I Eat In A Day)
La nutrizione non è mai stata qualcosa di cui mi sono particolarmente preoccupato fino a quando non sono stato coinvo...
Sam Hudson T...
Quello che mangio in un giorno Vanessa Cullen Ultra Runner
Quello che mangio in un giorno Vanessa Cullen Ultra Runner
Vanessa e'un'australiana ultra runner che segue una diet a a base di piante.Corre corse a lunga distanza e di recente...
Quello che m...
x
x